Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....
Benvenuto nel forum dei motori


Per usufruire dei servizi offerti dal nostro forum, effettua il login se sei già parte del forum, in caso contrario, iscriviti alla nostra comunità, è totalmente gratuito.

Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....

Discussioni su sport motoristici, in particolare approfondimenti su Formula1 e MotoGP
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 News test e...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 31 Mar 2011 - 15:19

Newey attacca McLaren: "Ha copiato i nostri scarichi"
Il progettista della Red Bull svela il perchè del clamoroso recupero delle vetture anglo-tedesche

Se il progresso tecnico evidenziato dalla McLaren fra l'ultimo test svolto a Montmelò e la prima gara in Australia ha avuto del clamoroso, il progettista della Red Bull Adrian Newey, peraltro ex proprio della McLaren, ha una spiegazione semplice: la scuderia di Woking ha copiato la soluzione Red Bull per gli scarichi, ed ha recuperato oltre mezzo secondo risultando l'unica antagonista della vettura austriaca a Melbourne. Nulla di illegale, ben inteso, ma Newey ci tiene a mettere i puntini sulle i.
"Hanno fatto un enorme passo avanti copiando i nostri scarichi - ha detto Newey -, questo va detto. Per noi è una cosa di cui essere soddisfatti in un certo senso, ma se poi ti battono grazie a quello non è certo bello. Ma la cosa principale è che hanno fatto un enorme passo avanti. Sono sicuro che stanno lavorando molto duramente".
Un accenno anche al Kers, il sistema di recupero dell'energia cinetica che la Red Bull non ha utilizzato in Australia, evidentemente perchè il team non si sentiva sicuro al 100% sul piano dell'affidabilità. "Se vediamo che è affidabile lo proveremo in gara. Dovremo prendere questa decisione venerdì sera a Sepang. Il Kers è un vantaggio in partenza, anche se sei in prima fila in avvio senza Kers c'è il rischio di non essere più davanti dopo la prima curva".
(sport.virgilio.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Ven 1 Apr 2011 - 15:33

Red Bull: il segreto è nell'idraulica delle sospensioni!
La RB7 fa strisciare l'ala anteriore modificando le altezze da terra. Come? Con il ghiaccio!

Nell'ultima settimana si è parlato tantissimo dell'ala anteriore della Red Bull, che proprio come nella passata stagione arriva quasi a strisciare per terra, aumentando il carico aerodinamico della monoposto. Subito si è tornato a parlare di ali flessibili, ma questa ipotesi è stata smentita seccamente da Charlie Whiting, che ha rivelato che l'ala anteriore della RB7 è stata trovata assolutamente conforme al regolamento in tutte le fasi di verifica.
Ora però arrivano delle nuove indiscrezioni, secondo cui la trovata di Adrian Newey e soci sarebbe molto più banale, anche se comunque decisamente ingegnosa. Parte del contenuto dell'indraulica delle sospensioni anteriori verrebbe ghiacciata prima del via della corsa!
In questo modo, con l'aumentare delle temperature, il ghiaccio si scioglie, riducendo il volume del liquido contenuto all'interno dell'area dove in passato veniva collocato il mass damper e andando, quindi, ad abbassare l'altezza da terra della monoposto.
Detto questo, rimane però un grande dubbio: se la soluzione fosse veramente questa, come fanno poi a rialzare la vettura al termine delle sessioni?...Sicuramente di questa vicenda si continuerà a parlare a lungo...
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Roberto



Messaggi : 19
Punti : 21
Data d'iscrizione : 19.02.11
Età : 33

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Ven 1 Apr 2011 - 18:31

che gran casino in formula 1 ogni anno ci sono sempre polemiche e regolamenti non chiari che ognuno interpreta a modo suo.. Crying or Very sad Evil or Very Mad
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Sab 2 Apr 2011 - 9:29

Pesce d'Aprile! Il segreto Red Bull è ancora top secret
La redazione di OmniCorse.it vi ha fatto uno scherzetto, ma la caccia ai segreti della RB7 continua...

Ieri il web è stato letteralmente intasato dai pesci d'aprile. Anche noi di OmniCorse.it non abbiamo resistito alla tentazione di farvi uno scherzetto...Alcuni di voi sicuramente lo avranno intuito, ma la notizia sul segreto che permette alla Red Bull di far "strisciare" l'ala anteriore era il nostro pesce d'aprile!
Anche se il ghiaccio è stato utilizzato nelle maniere più disparate dai tecnici del Circus nelle ultime stagioni, per il momento nessuno ha tentato di farlo nella maniera descritta nell'articolo in questione (e probabilmente non succederà mai!).
In ogni caso la caccia al segreto delle RB7 va avanti: l'obiettivo è di scoprire realmente come fanno Adrian Newey e soci a far volare le monoposto di Sebastian Vettel e Mark Webber, e farvi partecipi il prima possibile!
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Sab 2 Apr 2011 - 9:31

Anche Vettel si schiera contro i motori quattro cilindri
"Se fosse per me, monterei un bel V12 sulle Formula 1" ha spiegato

Continua ad aumentare la schiera degli scontenti per l'introduzione dei motori da quattro cilindri in Formula 1 a partire dal 2013. Oggi anche il campione del mondo in carica Sebastian Vettel sembra aver preso le parti di Bernie Ecclestone, spiegando che secondo lui il numero dei cilindri dei propulsori dovrebbe aumentare e non diminuire...
"Io monterei un bel motore V12 sulle vetture. Sono contrario alla difesa dei motori da quattro cilindri. Se fosse per me, eliminirei il KERS e farei ritornare i V12, che sarebbero più "verdi" di quelli che utilizziamo attualmente" ha spiegato Vettel.
Il pilota della Red Bull ha parlato anche dell'ala mobile posteriore, facendo capire di essere in parte contrario anche a questo dispositivo, nel senso che è positivo il fatto che può incrementare i sorpassi, ma il rischio secondo lui è che questi diventino troppo artificiali.
"Il sorpasso è un qualcosa che separa gli uomini dai ragazzini, per questo penso che non debba diventare qualcosa di artificiale. Quello che temo è che l'ala mobile posteriore invece lo possa fare. D'altro canto, sappiamo che bisogna provare ad inventare qualcosa per fare in modo che chi è più veloce possa superare" ha spiegato.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Lun 4 Apr 2011 - 12:16

Pirelli: Hembery prevede tre o quattro soste a Sepang
La Casa milanese porterà anche in Malesia le gomme hard e soft

Dopo il successo del Gp d'Australia, caratterizzato da un buon livello di azione in pista ed una grande varietà di strategie di gara, Pirelli parte alla volta della Malesia per il secondo appuntamento della stagione di Formula 1.
Il prossimo weekend si preannuncia molto diverso dal precedente: il circuito di Sepang è una location tra le più calde ed umide della stagione, con temperature che si aggirano attorno ai 35 gradi per un tasso di umidità del 80%. Il Gp della Malesia rappresenta quindi una sfida molto impegnativa per le gomme che lungo il percorso devono affrontare, oltre all'asfalto abrasivo, anche ripetute aree di forte frenata, lunghi rettilinei ed una grande varietà di curve e velocità differenti.
Ancora una volta, la Casa milanese porterà in Malesia le gomme PZero a mescola hard e soft, rispettivamente Prime ed Option, le stesse che hanno corso il GP d'Australia. Slick a parte, sarà anche molto probabile vedere il debutto in pista delle gomme intermedie e wet se, come nel passato, il fattore umidità condizionerà il meteo con intervalli di pioggia durante il weekend. Solo nel 2009, infatti, la gara era stata interrotta dalla bandiera rossa dopo 31 giri a causa della pioggia torrenziale, mentre l'anno scorso era stato il turno delle qualifiche, rese difficili da un improvviso acquazzone.
Per le due sessioni di prove libere del venerdì, Pirelli darà ai Team la possibilità di provare due set in più di uno slick a mescola dura, una nuova gomma sperimentale che, in linea con la filosofia Pirelli volta a combinare spettacolo ed alta tecnologia, potrebbe essere usata in futuro. Da sabato in poi, invece, l'allocazione gomme rimarrà invariata.

Paul Hembery: "Siamo molto soddisfatti del nostro debutto in Australia ma la Malesia sarà una sfida molto diversa per via delle alte temperature che incontreremo, temperature che si traducono in un maggiore degrado della gomma. Se per l'Australia avevamo previsto dai due ai tre pitstop, in Malesia è molto probabile che avremo dai tre ai quattro cambi gomma. Se è vero che a Sepang quello che conta non è "se" ma "quando" potrà piovere, le nostre gomme wet potranno scendere in pista per la prima volta e giocare un ruolo chiave durante il weekend. In Pirelli non stiamo mai fermi a guardare ed è per questo motivo che abbiamo deciso di fornire un set extra di gomme slick per le prove libere del venerdì, cosicché ciascun Team possa fare le proprie valutazioni. Dal momento che non vi sono opportunità di organizzare test durante la stagione, provare questo nuovo set aggiuntivo ci darà la possibilità di raccogliere informazioni e feedback molto utili, mentre i Team possono farsi già da subito un'idea dell'evoluzione futura delle nostre gomme".
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 5 Apr 2011 - 10:12

Fry: "La Ferrari deve migliorare sul giro singolo"
Il Vicedirettore Tecnico spiega che la differenza con la gara è dovuta all'utilizzo delle gomme

Chi pensava che la prima tappa del Campionato del Mondo di Formula 1 potesse rispondere a molte delle domande scaturite dai test invernali forse è rimasto deluso. Forse è dipeso dalle condizioni meteorologiche che hanno accompagnato il weekend di Melbourne, con temperature piuttosto fresche, forse dalle caratteristiche del circuito dell’Albert Park, un mix fra un tracciato cittadino ed un permanente che non costituisce un vero banco di prova per le macchine. Queste anomalie hanno reso ancor più complicato il lavoro della Scuderia Ferrari Marlboro in preparazione del Gran Premio della Malesia, che si svolgerà questo fine settimana a Sepang, come ha spiegato il Vicedirettore Tecnico Pat Fry.
“Dopo la gara in Australia abbiamo dedicato tantissimo tempo all’analisi dei dati acquisiti a Melbourne” – dice Fry – “Se c’è una cosa che è lampante è che il nostro passo di gara è stato sicuramente migliore della prestazione in qualifica. Molto è dovuto al modo in cui la nostra macchina utilizza le gomme, quindi questo lavoro di analisi è stato dedicato al miglioramento del comportamento della vettura sul giro singolo, confrontandolo con quello sulla distanza. Inoltre, abbiamo lavorato su un altro fattore fondamentale, l’aerodinamica, per cercare di capire come tirare fuori più efficacemente il potenziale della vettura. Come conseguenza, abbiamo definito un intenso programma di prove da svolgere in Malesia”.
Per quanto riguarda l’ala posteriore mobile, il cosiddetto DRS (Drag Reduction System), Fry ritiene si tratti di uno strumento interessante per la Formula 1, anche se i suoi benefici non sono ancora interamente chiari. “Dopo i test invernali, la maggior parte delle squadre sta trovando un livello di riduzione della resistenza abbastanza simile, con un aumento di velocità stimabile fra i 20 e i 25 km/h” – spiega il Vicedirettore Tecnico della Scuderia – “Credo che i sorpassi siano leggermente più facili, soprattutto quando ci si trova nel traffico e si cerca di superare un doppiato ma, come abbiamo visto sul rettilineo principale di Melbourne, è sempre difficile passare macchine dalle prestazioni simili alla propria. Bisogna essere a circa tre decimi dalla macchina che ti precede quando si entra nella curva precedente alla zona DRS per avere la possibilità di passare alla fine del rettilineo”.

Il KERS, il sistema di recupero dell’energia cinetica, era stato già impiegato con successo dalla Scuderia nel 2009 ma, al contrario di quanto era accaduto allora, la gran parte delle squadre adottano questa tecnologia, il che ha mutato il suo utilizzo strategico in gara. “Il KERS fornisce un modo molto utile per migliorare il tempo sul giro e il suo impiego sembra variare molto da squadra a squadra” – conferma il tecnico inglese – “Qualcuno lo usa solamente in qualifica e alla partenza, altri lo impiegano costantemente. Il KERS aiuta nei sorpassi perché ti permette di ridurre il gap dalla macchina che ti precede e poi, con il DRS, ci si può provare. Sta diventando un gioco tattico fra le due macchine: quella che insegue che usa entrambi gli strumenti, quella inseguita che si difende usando solo il KERS, cercando di creare un gap sufficiente prima di entrare sul rettilineo principale. E' interessante e penso che sia una buona cosa che i sorpassi non siano diventati troppo facili. Già questo piccolo incremento nella possibilità di sorpassare ha migliorato lo show, così come il comportamento degli pneumatici: c’è la necessità di fare più soste, cosicché il risultato non è già chiaro sin dalle prime fasi di corsa, come avveniva nel 2010”
Non ci sono dubbi che il cambiamento tecnico più rilevante del 2011 sia il passaggio alle gomme Pirelli e, dopo un inverno in cui si prevedevano tanti pit-stop in gara, questo è un altro argomento su cui Melbourne non ha dato risposte chiarissime, probabilmente per le temperature fresche. “Ciò ha comportato che in molti, inclusi noi, abbiamo fatto un po' fatica, soprattutto in qualifica, a tirare fuori il meglio dagli pneumatici, in particolar modo da quelle più dure sul giro singolo” – spiega Fry – “Penso che in Malesia avremo una situazione molto interessante in quanto ci possiamo aspettare 35 gradi di temperatura dell’aria e 50 sull’asfalto, cifre ben più elevate di quelle dell’Australia. La Pirelli ci ha detto che, man mano che la pista diventa più calda, il differenziale fra i due tipi di gomme si riduce ma non abbiamo nessuna esperienza con temperature simili. Capirne il comportamento sul giro singolo e sulla distanza sarà un punto fondamentale del programma delle prove libere di venerdì”.
Una pausa di meno di due settimane non sembra abbastanza lunga per poter cambiare le vetture ma la Formula 1 moderna è fatta di sviluppo tecnico costante, tanto che non appena si accenderà il semaforo verde in fondo alla pit-lane venerdì mattina, gli ingegneri della Scuderia Ferrari Marlboro dovranno affrontare una lunga lista di cose da fare. “Dopo aver analizzato i dati di qualifiche e gara di Melbourne ci sono delle cose che abbiamo in programma di cambiare per migliorare la situazione in Malesia” – continua Fry – “Tutto ciò si aggiungerà ad un programma già di per sé molto nutrito, con degli aggiornamenti aerodinamici già previsti per questa specifica gara. Avremo tre o quattro piccole modifiche e, probabilmente, ci saranno altri aggiornamenti in arrivo nei tre giorni che separano Malesia e Cina. Come sempre, è un processo di sviluppo continuo”.
Qualsiasi prova di nuove componenti che verrà effettuata a Sepang deve tener conto delle particolari condizioni meteorologiche, con temperature e tassi d’umidità elevati, che caratterizzano questa località. “La necessità più ovvia è che la tua macchina deve avere un sufficiente livello di raffreddamento” – conclude Pat – “ma non si vuole raggiungerlo facendo aperture sulla carrozzeria che, sebbene raggiungano l’obiettivo primario, provocano anche una perdita di carico aerodinamico. Pertanto, c’è bisogno di una macchina che sia ben raffreddata e abbia un buon livello di carico aerodinamico, soprattutto per affrontare la combinazione di curve ad alta velocità all’inizio del secondo settore. Un alto fattore importante sarà capire quando arriveranno i temporali: normalmente succede nel tardo pomeriggio, giusto in tempo per rendere qualifiche e gara più eccitanti!”.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 5 Apr 2011 - 15:55

Vettel, allarme sicurezza

"O si cambia o è sciopero"Il campione del mondo critica le novità introdotte quest'anno: "A 300 all'ora non puoi guardare i pulsanti sul volante". Poi l'avvertimento alla federazione: "Se non ci ascoltate ci faremo sentire"
Massa: "C'è da lavorare"
Hamilton snobba VettelSTOCCARDA - Il campione del mondo di Formula 1, il tedesco Sebastiàn Vettel, non esclude un sciopero dei piloti a causa dei grandi cambiamenti che ci sono stati nel regolamento della F1 in questa stagione. "Se la situazione peggiorasse in modo pericoloso, penso che avremmo il potere di imporre la nostra decisione", ha detto il pilota della Red Bull in un'intervista al domenicale tedesco "Welt am Sonntag".
I piloti sono critici sulle molte, forse troppe, novità introdotte quest'anno dalla federazione: tra volanti pieni di nuovi pulsanti, il mai digerito kers e l'alettone ad assetto variabile. "Ci sarebbero molte possibilità di rifiutarci di scendere in pista se non si ammorbidisse o si cambiasse una situazione che è pericolosa", ha aggiunto. "Quando si viaggia a 300 chilometri l'ora non si ha tempo per distrarsi e guardare il volante. Questo rischia di diventare un problema di sicurezza". Nel primo Gran Premio della stagione in Australia una settimana fa, Vettel era stato uno dei piloti più critici su tutte le novità.
Se la situazione non subirà cambiamenti i piloti "apriranno la bocca e parleranno con la Fia, per trovare una soluzione, prima che ci sia qualcosa tipo uno sciopero", ha suggerito il vincitore del Gp di Melbourne. Poi Vettel ha parlato dei suoi obiettivi e l'ha fatto in maniera molto chiara: "la Coppa del Mondo non deve lasciare casa mia", e poi aggiunge che "vuole vincere il titolo spesso", perchè non ci si stanca mai di vincere. (03 aprile 2011) ©Riproduzione riservata .
larepubblicasport
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mer 6 Apr 2011 - 16:50

Alguersuari e Buemi non si parlano più?
Lo svizzero sarebbe ancora arrabbiato per il contatto di Melbourne e per la reazione del compagno

Durante l'inverno in molti si erano domandati se con l'arrivo nel box di Daniel Ricciardo, pronto a salire in macchina in qualsiasi momento, non ci fosse il rischio di creare un pò troppa pressione sui due piloti della Toro Rosso. A giudicare da come si sta evolvendo la situazione nel team di Faenza, sembra proprio che le cose stiano prendendo questa direzione.
A Melbourne, Sebastien Buemi e Jaime Alguersuari sono entrati in collisione alla prima curva, fortunatamente senza creare grossi danni alle loro STR6, ma è il post-gara ad aver creato qualche nervosismo di troppo.
Stando a quanto riportano i tedeschi di Blick, dopo l'acceso confronto avvenuto in Australia, i due non si sarebbero più rivolti la parola. Addirittura si dice che nel volo verso Kuala Lumpur, durato ben 12 ore, lo svizzero e lo spagnolo non si siano concessi neppure uno sguardo, pur essendo seduti uno accanto all'altro.
Buemi poi non ha nascosto neanche troppo i problemi: "Abbiamo parlato dopo il suo errore a Melbourne, ma abbiamo delle opinioni divergenti. Ora mi auguro che lui faccia la cosa giusta e che mi porti rispetto. In ogni caso, non voglio aggiungere altro su questo argomento"
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mer 6 Apr 2011 - 16:51

Ad Interlagos migliorano le vie di fuga?
La morte di Sondermann ha portato la Federazione a richiedere l'intervento della FIA

In seguito alla morte di Gustavo Sondermann, la Confederacao Brasileira de Automobilismo, cioè la Federazione brasiliana, ha deciso di non restare con le mani in mano e quindi ha chiesto alla FIA dei consigli per migliorare gli standard di sicurezza del tracciato di Interlagos.
La dinamica dell'incidente dello sfortunato 29enne è stata praticamente la medesima di quello in cui perse la vita Rafael Sperafico tre anni fa: il pilota ha perso il controllo della sua stock-car nei pressi della salita che conduce al rettilineo dei box, è finito contro le protezioni e poi è rimbalzato in pista, venendo centrato ad altissima velocità dalla vetture che sopreggiungevano.
Certo, in questo caso può esserci la scusante della pioggia, ma la sensazioni è che anche se sono passati degli anni, la sicurezza di quel punto dell'impianto brasiliano non sia migliorata neppure di una virgola, nonostante l'introduzione dei soft wall.
"Oggi ho chiesto alla FIA di mandarci un suo ispettore" ha spiegato Clayton Pinteiro, presidente della CBA. "Non abbiamo ancora trovato una soluzione per migliorare quel tratto della pista, quindi per il momento le gare cominceranno con la bandiera gialla esposta in quel punto".
La soluzione sembra piuttosto scontata, ma purtroppo di difficile realizzazione: "Penso che non si possa fare nulla di diverso rispetto all'ampliamento della via di fuga" ha aggiunto Pinteiro. Per farlo però bisognerà abbattere le tribune presenti in quel punto (senza dimenticare che le case sono di poco distanti da queste), dunque sarà necessaria l'autorizzazione della FIA, ma anche quella delle autorità locali...
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 10:37

Il 30 aprile road show Red Bull a Torino
Mark Webber guiderà la RB6 per le strade della capitale italiana dell'automobile

Vedi Napoli e poi…Torino. Il prossimo 30 aprile le strade di Torino, la capitale dell’automobile italiana, ospiteranno l’evento Red Bull F1 Show Run, ad un anno di distanza dall’altra grande esibizione tenutasi nella città partenopea.
Il protagonista sarà ancora una volta Mark Webber, che dopo aver provato l’emozione di guidare sul lungomare napoletano, proverà la monoposto della Red Bull Racing anche sulle storiche strade della prima capitale italiana.
Un’occasione straordinaria in cui la vettura Campione del Mondo di Formula 1 guidata dal pilota australiano sfreccerà, a partire dalle 15.00, in un “circuito” che prevede la partenza in piazza Vittorio – dove sarà allestito anche il paddock – con un percorso che, costeggiando il fiume Po, arriva fino a largo Cairoli.
“Lo scorso anno ho avuto la fortuna di prendere parte ad un grande evento a Napoli – dice Mark – e sono felice di avere un’altra occasione per tornare in Italia. Quest’anno la show run sarà particolarmente significativa in quanto si svolgerà a Torino, la città italiana dell’automobile”.
Tra gli altri ad esibirsi confermato anche un altro protagonista dell’evento di Napoli, Chris Pfeiffer, il tedesco quattro volte campione del Mondo di Stunt Riding (2003, 2007, 2008, 2009), atteso anche a Torino in una delle sue spettacolari esibizioni sulle due ruote.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 16:02

Pirelli: mescola hard sperimentale nelle libere Si tratta di un pneumatico più durevole, ma non troppo conservativo

In Malesia il dubbio non è se pioverà, ma quando. Oggi le temperature superiori a 35°C sono state seguite da una pioggia torrenziale, destinata a contrassegnare il resto del weekend. Per questo motivo, è più che probabile che sul circuito di Sepang, inaugurato nel 1999, faranno il loro debutto gli pneumatici Pirelli intermedi e da bagnato.
Domani per la prima volta i team proveranno anche una mescola sperimentale hard. Due set di questa nuova versione di pneumatici hard saranno infatti consegnati ai team per le due sessioni di libere del venerdì, per una valutazione del feedback nelle condizioni estreme della Malesia. Il resto dell’allocazione degli pneumatici per il weekend è invariato.
Paul Hembery: “L’Australia è andata molto bene per noi, ma questa sarà una gara completamente differente. L’unica certezza qui sono le piogge pomeridiane intense, per cui prevediamo che i nostri pneumatici wet giocheranno un ruolo-chiave. In condizioni di asciutto, ci aspettiamo che la mescola hard sarà la più adatta alle condizioni, dato che le temperature saranno molto più elevate rispetto all’Australia. A causa della superficie aggressiva e del caldo della Malesia, prevediamo ci saranno più pitstop: circa tre, che potrebbero salire a quattro se i team dovranno montare anche le wet, cosa più che probabile. Prima della gara i team avranno l’opportunità di provare una nuova mescola hard durante le prove libere dei venerdì. Questo pneumatico rappresenta una nuova filosofia in fatto di mescole e sarà interessante avere il feedback delle squadre. In linea generale, si tratta di un pneumatico più durevole ma dobbiamo essere cauti e non essere troppo conservativi: l’attenzione è sempre sul divertimento e sull’offrire al pubblico un grande show”.

omnicorse
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 16:05

A Sepang le gomme morbide Pirelli avranno una striscia dorata

Per il prossimo GP di Malesia la Pirelli ha comunicato che per distinguere le gomme morbide dalle dure (in seguito alle critiche sui colori troppo simili tra le due mescole utilizzati a Melbourne) inserirà sulle prime una ulteriore striscia dorata.
Il direttore del settore motorsport dell’azienda italiana ha affermato che con l’inizio delle gare europee ci sarà ancora un’altra modifica, permanente a differenza di quella apportata a Sepang.
“Abbiamo ricevuto una serie di osservazioni sul tipo di colore scelto” – ha detto – “molti ci hanno fatto notare che era difficile distinguere le Prime dalle Option, abbiamo quindi deciso di introdurre a Sepang la striscia dorata. Dalla gara di Turchia cambieremo radicalmente la distinzione tra le due mescole, in modo da non creare più confusione”.

stopandgo
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 16:07

Jenson Button punta sul KERS per raggiungere la Red Bull

Jenson Button ritiene che la McLaren debba migliorare il proprio KERS per poter ridurre il divario nei confronti della Red Bull. Infatti il sistema di recupero dell’energia cinetica è uno dei settori nei quali la scuderia di Sebastian Vettel e Mark Webber sta faticando di più a trovare una soluzione efficace.
L’inglese pensa che la superiorità del rivale sia palese e dunque ogni sua difficoltà viene vista come uno spiraglio per lui e tutta la McLaren: “Abbiamo bisogno di un KERS potente per battagliare contro di loro poiché in ogni altra area sono molto competitivi”, ha sentenziato in modo netto.
Nonostante le prestazioni soddisfacenti in Australia, Button è conscio del divario rispetto ai Campioni del Mondo uscenti: “Al momento penso che siamo molto lontani dalla Red Bull – ha continuato nel discorso – Ho l’impressione che Sebastian debba ancora mostrare il pieno potenziale della loro macchina”.

stopandgo
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 18:37

Massa spera in un weekend migliore che a Melbourne
Il brasiliano è convinto di aver capito gli errori dell'Australia e non vuole ripeterli in Malesia

Un'ora prima che il tradizionale temporale colpisse il circuito di Sepang, Felipe Massa è stato uno dei piloti chiamati alla conferenza stampa ufficiale della FIA in pista. Visto che era in gruppo, tra gli altri, con Jenson Button, inevitabilmente la prima cosa chiesta al pilota della Scuderia Ferrari Marlboro è stata la sua eccitante battaglia con l'inglese nei primi giri del Gran Premio australiano.
"Grazie al KERS ho potuto combattere duramente e tenere Jenson dietro di me" ha ricordato il brasiliano. "Ho fatto un buon uso del KERS sul rettilineo dove lui era molto veloce, usando l'alettone regolabile e l'ho utilizzato anche nelle curve, gestendo bene il sistema. Poi mi ha superato sul lato sbagliato e, ad essere onesti, io mi aspettavo di riavere di nuovo la mia posizione, ma dopo che Alonso mi ha superato sarebbe stato difficile per lui farlo".
Massa ha un record inusuale qui, visto che è andato spesso bene nelle qualifiche, partendo due volte in pole, ma spesso le sue migliori gare sono arrivate quando lui partiva da una posizione arretrata in griglia. "L'ultimo anno per esempio ero quasi ultimo sulla griglia di partenza, dopo essere andato fuori in Q1" - ha detto - "e poi ho fatto un'ottima gara finendo settimo, così spero che quest'anno possiamo fare bene, sia in qualifica sia in gara!".
Il pilota della Ferrari ha recentemente espresso la preoccupazione che superare in questo circuito sarebbe stato fin troppo facile se la FIA avesse optato per concedere il permesso di utilizzo del DRS su entrambi i rettilinei. "Ma la decisione presa è stata quella di usarlo solo sul rettilineo principale, così penso che vada bene" ha detto.
Riguardo a questo fine settimana, Massa crede che la Ferrari 150° Italia avrà prestazioni migliori rispetto a Melbourne. "Abbiamo trascorso le ultime due settimane analizzando i dati australiani e adesso sappiamo la direzione da cui partire e spero che questo servirà ad avere una vettura più competitiva. In Australia durante le qualifiche, c'era una grande differenza con la Red Bull e sono stato troppo aggressivo nel mio set-up, così per questa gara si cambia. Ci possiamo aspettare una maggiore velocità e confido che possiamo avere un fine settimana migliore".
La Red Bull ha dichiarato di non aver utilizzato il KERS nella gara di apertura, ma ha progettato di averlo qui in Malesia. A questo proposito è stato chiesto a Felipe se questo avrebbe reso le Red Bull imprendibili. "È un po' presto per uccidere il campionato!" - ha affermato - "è difficile fare commenti sulle altre squadre ma io so che sulla nostra vettura, senza il KERS, perdiamo tempo sul giro".
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Gio 7 Apr 2011 - 18:38

Horner: "Basta parlare della nostra ala anteriore!"
Tra McLaren e Red Bull sembra essersi innescata una polemica a distanza sull'argomento

Dal Gp d'Australia ad oggi non si è fatto altro che parlare della famigerata "ala strisciante" anteriore delle Red Bull RB7. Tutti hanno provato a dare la loro opinione su questa soluzione trovata dalla scuderia di Milton Keynes per aumentare il carico aerodinamico della vettura, ma ora Christian Horner sembra essersi stancato di sentire parlare di presunte irregolarità.
L'ultimo a puntare il dito verso le monoposto di Sebastian Vettel e Mark Webber è stato Jenson Button, che oggi nel paddock di Sepang si è lasciato scappare una dichiarazione piuttosto sibillina: "Non conosco i dettagli tecnici, ma ho parlato con diverse persone che sostengono che l'ala anteriore flette maggiormente rispetto a quanto è consentito dalle norme".
La replica di Horner è parsa piuttosto seccata: "Diciamo che prendiamo tutte queste voci di irregolarità come un complimento al nostro ottimo lavoro" ha esordito. "Semplicemente, però, l'angolo di inclinazione della nostra vettura è maggiore rispetto a quello della altre, quindi nella parte anteriore sembra più bassa. La nostra ala però è stata esaminata davvero tante volte, risultando conforme al regolamento".
Ed ecco che arriva la stoccata nei confronti della McLaren: "Fortunatamente noi non dobbiamo superare le verifiche della McLaren, ma quelle imposte dalla Federazione, e lo ha abbiamo sempre fatto fino ad oggi" ha concluso.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Ven 8 Apr 2011 - 12:25

Abu Dhabi pronta a cambiare per favorire i sorpassi
Sono in programma diverse modifiche alle curve precedenti e successive al rettilineo opposto

Dopo le critiche arrivate in seguito alla gara conclusiva della stagione 2010, i dirigenti dell'autodromo di Yas Marina, ad Abu Dhabi, hanno deciso di modificare il layout del tracciato con l'obiettivo di favorire i sorpassi in vista della prossima edizione del Gp di Formula 1.
Secondo molti addetti ai lavori, infatti, le caratteristiche attuali del tracciato non consentono alle monoposto di rimanere troppo vicine, sfavorendo i tentativi di sorpasso. L'emblema di questa situazione è stato segnato senza dubbio dal modo in cui Fernando Alonso si è visto sfuggire il titolo, non riuscendo a scavalcare Vitaly Petrov per oltre metà gara.
Il progetto delle modifiche non è ancora stato ufficializzato, ma l'amministratore delegato Richard Cregan ha spiegato che riguarderanno le curve che precedono e che seguono il rettilineo opposto, oltre al gruppo di curve comprese tra la 11 e la 14.
Alla base della scelta di apportare delle nuove modifiche, c'è però anche la voglia degli uomini di Abu Dhabi di far approdare anche la MotoGp a Yas Marina. Dunque, sarà proprio interessante vedere come sarà la nuova veste del tracciato...
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Ven 8 Apr 2011 - 15:35

Hembery soddisfatto delle Pirelli dopo le prime libere
Il direttore di Pirelli Motorsport continua a prevedere una gara con tre pit stop
Oggi Pirelli e tutti i team di Formula 1 hanno affrontato tutti gli elementi che un Gran Premio può offrire, con l’asfalto che ha toccato i 51°C e l’atmosfera i 37 gradi.

La Red Bull Racing ha proseguito il cammino iniziato in Australia, con Mark Webber davanti a tutti nella prima sessione del mattino, con un tempo di 1'37"651, oltre un secondo più veloce dei rivali. Nel pomeriggio, Webber si è ripetuto, con un tempo di 1'36"876, questa volta solo 5 millesimi di secondo più veloce della McLaren di Jenson Button.

Durante le due sessioni di prove libere, i piloti hanno completato in totale 1.255 giri, equipaggiati con gli usuali due set di pneumatici hard (nominati come Prime) e un set di pneumatici soft (nominati come Option). Oltre alla normale allocazione, ciascun pilota ha anche ricevuto due set della nuova mescola hard sperimentale, progettata con una filosofia leggermente differente, per favorire una maggiore stabilità lungo l’arco di utilizzo.

I 24 piloti che hanno preso parte alle libere – tre dei quali sono collaudatori che non correranno domenica – hanno fornito un importante feedback sulle caratteristiche del nuovo pneumatico, che sarà valutato da Pirelli per un futuro sviluppo del prodotto.

Anche se, come in Australia, qualifiche e gara si svolgeranno nel tardo pomeriggio, le sessioni di prove libere odierne hanno avuto luogo negli orari consueti: il mattino dalle 10 alle 11,30 e il pomeriggio dalle 14 alle 15,30.

Durante la sessione del mattino, la maggior parte dei team ha optato per usare entrambi i tipi di mescola hard. Il miglior tempo di Webber del mattino è stato ottenuto con la hard standard, caratterizzata dal logo argento. Il pilota della Williams Pastor Maldonado ha completato il run più lungo con questa mescola, stabilendo il quinto tempo verso la fine di uno stint di 19 giri.

Anche la seconda sessione si è svolta sull’asciutto e con temperature più elevate. Webber ha iniziato con il pneumatico hard e poi è passato alle soft, con cui ha stabilito il miglior tempo. Uno schema adottato dalla maggior parte dei piloti, che hanno cercato di sfruttare al meglio il loro unico set di soft su una pista progressivamente sempre più gommata.

In generale, le soft si sono dimostrate più veloci delle hard di circa 1,2 secondi al giro, con un range operativo previsto tra 8 e 10 giri in gara.

Alle mescole soft per Malesia e Cina, caratterizzate dai loghi gialli, sono stati aggiunti dei segni distintivi ulteriori, per una maggior visibilità. Una banda color oro lungo la circonferenza de pneumatico dovrebbe infatti rendere più identificabile la mescola per il pubblico televisivo. La modifica dei loghi, per dare maggiore visibilità ai colori, sarà effettuata dal GP di Turchia in maggio, quando la Formula 1 sbarcherà in Europa.

Il commento del Direttore Pirelli Motorsport Paul Hembery: “Tutti hanno dovuto affrontare condizioni estremamente dure nella prima giornata in pista in Malesia. Fortunatamente finora i nostri pneumatici non hanno avuto problemi, ma ovviamente il vero lavoro inizierà quando i piloti guideranno le loro monoposto in assetto da qualifica e da gara. Oggi, i piloti hanno provato l’evoluzione dei nostri pneumatici hard e la loro risposta è stata generalmente favorevole, anche se dobbiamo essere cauti per non ritrovarci con dei pneumatici troppo conservativi. Vista la severità delle condizioni di oggi, siamo soddisfatti di come sono andate le cose e per la gara ci aspettiamo una strategia su tre soste. Ovviamente domani ci saranno mosse strategiche da parte dei team, quando dovranno decidere quali pneumatici utilizzare per le qualifiche. Un elemento che aggiungerà spettacolo a una gara che si preannuncia sicuramente affascinante”.
omnicorse
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 15:36

La Pirelli non fa previsioni sul numero di soste in Cina

Come a Melbourne e a Sepang le squadre disporranno delle gomme hard e soft
- La Malesia ha offerto una gara ricca d'azione con moltissimi sorpassi e una lotta per il podio che si è protratta fino all'ultimo giro e in Cina Pirelli si augura che accada lo stesso. Il circuito di Shanghai è progettato per testare i limiti di una moderna monoposto di Formula 1, in particolare per quanto concerne trazione e freni, con particolare stress sugli pneumatici.
- Le temperature previste in Cina sono considerevolmente inferiori rispetto a quelle della Malesia, con molta meno umidità. Se a questo si aggiunge una superficie molto più liscia, a Shanghai in teoria dovrebbe esserci molto meno degrado. La pioggia non è un evento raro quindi, dopo l'asciutto della Malesia, potrebbero finalmente fare il loro debutto gli pneumatici PZero intermedi e wet.
- In caso contrario, al centro della scena ci saranno di nuovo le mescole hard e soft, le stesse nominate anche per Australia e Malesia. La soft, in particolare, dovrebbe essere molto adatta al circuito di 5,451 km, anche se la gara della Cina è sempre difficile da prevedere. Dalla prima edizione del GP, nel 2004, ogni anno c'è stato un vincitore diverso: un segno delle peculiarità differenti e delle variabili complesse che caratterizzano la gara.
Paul Hembery: "Finora sono molto soddisfatto del modo in cui i nostri pneumatici hanno favorito lo spettacolo, ma sono piacevolmente colpito dalla rapidità di apprendimento di Team e piloti: sono certo che troveranno diverse soluzioni per gestire e far durare più a lungo le loro gomme in qualunque condizione. Finora abbiamo previsto con esattezza due pitstop in Australia e tre in Malesia, ma dovremo aspettare di esaminare i dati dopo le prove libere del venerdì prima di avere un'idea del tutto chiara su ciò che dobbiamo aspettarci in Cina. A differenza della Malesia, dove nelle libere abbiamo fornito ai Team un pneumatico sperimentale, il venerdì consegneremo a ciascuna squadra un set supplementare della consueta mescola hard proprio come in Australia. In quell'occasione abbiamo visto che lavorava bene, permettendo ai team di massimizzare il loro tempo in pista e prepararsi al meglio per la gara, quindi vorremmo nuovamente dar loro la stessa opportunità. Le prime due gare sono state assolutamente emozionanti; spero che sarà lo stesso in Cina!"
.


omnicorse
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 15:42

Domenicali: "Dobbiamo reagire immediatamente"

Il team principal è volato a Maranello con Fry e Costa per valutare gli aggiornamenti per la 150° Italia
- La prima tranche di gare della stagione si concluderà la prossima domenica a Shanghai, dove si svolgerà l’ottava edizione del Gran Premio della Cina. Dopo questa tappa, le squadre torneranno in Europa e ci sarà una pausa di due settimane prima del debutto dei motorhome nel Gran Premio di Turchia a Istanbul. Nel frattempo, il lavoro di sviluppo della 150 ° Italia procede praticamente 24 ore su 24 dopo due gare decisamente non soddisfacenti per la Scuderia Ferrari Marlboro come quelle di Melbourne e Sepang. Non è un caso che il Team Principal Stefano Domenicali, il Direttore Tecnico Aldo Costa e il suo vice Pat Fry siano partiti già domenica sera alla volta di Maranello per seguire passo dopo passo tutte le attività in corso.
- Le difficoltà incontrate finora possono ricordare in parte quelle dello scorso anno, vale a dire un diverso livello di prestazione fra la qualifica e la gara dove, se si fa eccezione per Vettel, la Scuderia sembra potersela giocare con tutti gli altri. Sebbene con i “se” e i “ma” non si vada da nessuna parte, è anche vero che se Massa non avesse avuto un problema al primo pit-stop e se il DRS di Alonso avesse sempre funzionato, entrambi i piloti avrebbero potuto ambire ad un posto sul podio.
- “Dobbiamo capire perché in qualifica la nostra prestazione non è all’altezza dei migliori” – ha detto Domenicali – “E’ vitale reagire immediatamente perché sappiamo come le cose possano mutare velocemente in Formula 1. Da un punto di vista strategico, la nostra gara a Sepang è stata positiva: le scelte fatte si sono dimostrate corrette e il bottino di punti inferiore al potenziale è stato determinato da altri problemi. Strategia e ritmo di gara sono in questo momento due voci in attivo”.
- Anche il giudizio sui piloti è positivo: “Felipe ha guidato ad alto livello, dimostrando di essere tornato in forma, e Fernando è stato sempre all’attacco, il che è sempre buono per un pilota” – ha spiegato il Team Principal della Scuderia – “In fabbrica dobbiamo dare un’accelerazione per capire le ragioni della nostra mancanza di prestazione. Dobbiamo lavorare tanto per anticipare gli sviluppi, in particolare sull’aerodinamica, che resta il fattore chiave. Cercheremo di avere qualcosa già in Cina ma siamo consapevoli che dobbiamo capire perché i dati della galleria del vento non corrispondono a quelli che abbiamo visto in pista. Se non avremo un’idea chiara, allora dovremo dare una sterzata allo sviluppo della macchina. L’altro fattore importante è continuare a capire come si comportano le gomme per cercare di usarle nella maniera migliore perché in Malesia abbiamo visto che usare gli pneumatici nel modo giusto fa la differenza. Per quanto riguarda il KERS per noi è uno strumento utile per la prestazione. In gara, può essere utilizzato sia come arma difensiva che offensiva: sicuramente è un elemento che rende il nostro sport ancora più interessante”.
- A Melbourne, soprattutto per le temperature più fredde del previsto, l’attesa crescita dei pit-stop non si è concretizzata, come invece è accaduto in Malesia, dove ci sono state .59 soste ai box, comprese peraltro quelle dovute a problemi meccanici o penalità. Si capisce così come il lavoro della squadra sia un fattore molto importante per il risultato finale di una gara, come sottolinea Domenicali: “La tendenza ad avere più pit-stop significa che i ragazzi che devono fare tutte le operazioni sono sempre sotto pressione e, conseguentemente, la possibilità di commettere errori è più elevata. Mai come quest’anno è importante che tutto il pacchetto – pilota, squadra, vettura - funzioni al meglio, anche in un frangente come il pit-stop”.
- I piloti della Scuderia Ferrari Marlboro hanno frequentato spesso il podio di Shanghai. Tre volte una Ferrari ha vinto la gara: nel 2004 con Rubens Barrichello, nel 2006 con Michael Schumacher e nel 2007 con Kimi Raikkonen. Degli attuali piloti, Fernando ha vinto nel 2005 mentre Felipe ha all’attivo un secondo ed un terzo posto. La Cina è un Paese molto importante per il Cavallino Rampante: “La nostra presenza su questo mercato continua a crescere, così come l’apprezzamento dei clienti per le nostre macchine” – ha aggiunto Domenicali –“una ragione in più per far bene in questo fine settimana”.

omnicorse


Ultima modifica di alfa il Mar 12 Apr 2011 - 15:55, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 15:45

Heidfeld dedica il terzo posto a Kubica

Nick ha scritto una bella lettera aperta al collega infortunato
- Nonostante i rapporti tra i due non fossero mai stati idilliaci quando erano compagni di squadra alla BMW, Nick Heidfeld si è reso protagonista di un bel gesto nei confronti di Robert Kubica subito dopo aver conquistato il podio nel Gp della Malesia.
- Il pilota tedesco ha infatti dedicato una lettera aperta al collega che è stato chiamato a sostituire alla Lotus Renault, che attualmente è ancora ricoverato presso l'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, in seguito alle conseguenze di un terribile incidente avvenuto durante la Ronde di Andora, nel quale ha rischiato di perdere la mano destra.
- Ecco il testo della lettera comparsa sul sito ufficiale di "Nick the Quick":

Caro Robert,
Hai visto? Ho messo il tuo logo sulla parte anteriore del mio casco e la bandiera polacca su quella laterale. Volevo farti vedere che pensiamo sempre a te e far capire ai tuoi tifosi che sei sempre uno di noi. Il terzo posto è anche tuo! Durante la gara mi è capitato di pensare a te e quando ho tagliato il traguardo ho provato una gioia immensa. So che ora starai pensando: "La Lotus Renault ha costruito una gran monoposto quest'anno, quindi voglio tornare il più presto possibile e guidarla". Sono sicuro che lo potrai fare e ti auguro di proseguire al meglio la tua riabilitazione. Torna presto!

Tuo,
Nick


omnicorse
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 16:05

Alla scoperta dei segreti tecnici della Red Bull

Sulla RB7 i gas roventi degli scarichi quasi annullano le turbolenze delle ruote posteriori
- Tutti gli occhi sono puntati sulla Red Bull Racing RB7 di Sebastian Vettel. I tecnici del Circus si stanno interrogando su quali possono essere effettivamente i punti di vantaggio della monoposto ideata da Adrian Newey, tanto più che si permette di vincere anche senza l'uso continuativo del KERS che nei lunghi rettilinei di Sepang aveva il suo peso nelle prestazioni sul giro.
- Inizialmente l'attenzione si è focalizzata sulle ali anteriori flessibili: in Australia era parso evidente come le paratie laterali in certe situazioni andassero a strisciare quasi sull'asfalto, riproducendo quei vantaggi aerodinamici che avevamo visto al Gp d'Ungheria dello scorso anno.
- Charlie Whiting, tecnico FIA, dopo aver visto la generazione del fenomeno di Red Bull Racing e Ferrari, era intervenuto per cambiare i criteri di verifica sulla flessibità delle ali, raddoppiando il peso (da 50 a 100 kg per parte) che veniva messo staticamente.
- Adrian Newey non si lascia imbrigliare dalle regole ed essendo un tipo decisamente geniale, ha trovato il modo di riprodurre vantaggi simili con soluzioni diverse. In sostanza ha studiato una monoposto che adotta un assetto molto picchiato sull'anteriore: la RB7 è sostanzialmente più alta dietro (almeno 40 mm rispetto alle altre monoposto), per cui risulta nettamente più bassa davanti.
- La Red Bull a bassa velocità riesce a generare più carico rispetto alle concorrenti, al punto che i piloti possono azionare l'ala mobile prima dei loro colleghi, segno che è il corpo vettura a generare la down-force e si può anche fare a meno dell'incidenza del flap posteriore, migliorando anzi l'efficienza aerodinamica della macchina.
- Perdono consistenza, quindi, le voci di quanti sostengono che a flettere sia una porzione del muso con conseguente abbassamento dei piloni che reggono l'ala e, quindi, dell'ala stessa. Eppure il segreto della Red Bull Racing non può essere tutto lì: ad aprire un campo di indagine è la fotografia che pubblichiamo qui.
- Nel retrotreno troviamo che gli scarichi non si limitano a soffiare in maniera radente sul fondo piatto, ma i gas roventi si insinuano sotto il retrotreno della RB7. Newey nel tempo ha gradualmente spostato gli scarichi che l'anno scorso soffiavano al bordo delle parete del cambio per infilarsi (almeno parzialmente) nel doppio diffusore grazie ad una fessura aperta nel fondo piatto. Ora, invece, sono stati orientati in modo da lambire quasi la ruota (non è facile evitare di “cuocere” la gomma) e “tuffarsi” sotto il diffusore.
- A cosa serve questo lavoro certosino? Gli osservatori più attenti ritengono che si determinano due effetti positivi: primo, si crea un maggiore effetto estrattivo dal fondo generando più carico aerodinamico senza minimamente penalizzare la penetrazione all'avanzamento. Ma Adrian non si accontenta: in galleria del vento ha notato che è possibile ridurre drasticamente le turbolenze che si generano con la ruota che gira in senso contrario all'andamento dei flussi.
- Insomma i gas degli scarichi sono funzionali anche a ripulire quella zona della monoposto da sempre “perturbata”. Guardate con attenzione il lavoro che Newey ha fatto per “sigillare” il fondo della monoposto con la gomma proprio per prevenire gli effetti nefasti (per l'aerodinamica) della ruota in movimento.
- Siamo quasi allo sfioramento delle parti, tanto è accurata l'analisi che gli aerodinamici di Milton Keynes hanno portato avanti. Non sarà facile per gli avversari di Vettel e Webber “copiare” una soluzione che può valere almeno mezzo secondo al giro, perché è frutto di uno studio combinato molto complesso. E non è detto che funzioni su tutte le monoposto...


di Franco Nugnes
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 16:16

Sviluppo intenso in McLaren per avvicinare ancora la Red Bull

Non c'è dubbio che in questo momento la McLaren sia la cosiddetta "anti Red Bull". In Malesia il team di Woking ha avvicinato ulteriomente le prestazioni della compagine rivale, ma l'obiettivo è adesso quello di insistere sullo sviluppo per colmare il gap.
- Nelle prove libere in Cina, quindi, le MP4-26 adotteranno fondo e scarichi evoluti, già collaudati nel venerdì di Sepang da Lewis Hamilton. A confermarlo è stato il responsabile della squadra Martin Whitmarsh.
- "Fa parte della natura di questo sport: penso che siamo già abbastanza vicini alla Red Bull, ma vorremmo esserlo ancora di più o addirittura davanti a loro. Il mio lavoro è quello di rendere la macchina sempre più competitiva, ed è ciò che stiamo cercando di fare".
- "A Shanghai effettueremo un lavoro abbastanza interessante, ma non avremo molto tempo a disposizione. Cercheremo di fare il massimo possibile".
- "Se guardate ai progressi abbiamo ai progressi compiuti nelle ultime quattro e cinque settimane, stiamo andando nella giusta direzione. Per rimanere competitivi e lottare per il campionato dobbiamo comunque continuare così e lavorare sodo", ha ribadito Whitmarsh.


stopandgo
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 16:18

Christian Horner, team principal Red Bull, teme McLaren e Ferrari

Christian Horner non abbassa la guardia. Il team principal della Red Bull, nonostante il dominio di Sebastian Vettel nei primi due round stagionali, considera molto temibili McLaren e Ferrari per il proseguimento del campionato.
- "Sono le nostre principali preoccupazioni. Penso che più avanti si possa assistere ad alti e bassi nei livelli di competitività", ha dichiarato Horner.
- "La Ferrari in Malesia è sembrata molto forte, per cui dovremo concentrarci sul migliorare le nostre prestazioni. Siamo riusciti a vincere i primi due Gran Premi del calendario, il che è fantastico, e faremo in modo di continuare così anche in Cina".

stopandgo
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: News test e...   Mar 12 Apr 2011 - 16:21

Sergio Perez sogna già la Ferrari, ma adesso attende Shanghai

Sorpresa di Melbourne, Sergio Perez a Sepang non è riuscito a ripetersi sugli stessi livelli di prestazione. Il rookie messicano, in ogni caso, resta sempre un osservato speciale all'interno del paddock, e già si mormora di un eventuale approdo in Ferrari nel 2012, in sostituzione di Felipe Massa.
- L'alfiere della Sauber (motorizzata proprio dal team di Maranello) non a caso è entrato a far parte della Ferrari Driver Academy alla fine della scorsa stagione, dopo aver concluso al 2° posto in GP2 Series.
- Alla domanda su un interesse per il sedile attualmente occupato dal collega brasiliano, il 21enne di Guadalajara ha risposto così alla BBC: "Mentirei se dicessi di no. Guidare un giorno per la Ferrari è senza dubbio un sogno per me. Per parlare di 2012 credo che sia comunque troppo presto. La strada è ancora lunga, devo imparare e lavorare molto. Spero di essere pronto per qualcosa del genere verso la fine di quest'anno".
- Nel frattempo c'è da pensare al prossimo round in Cina, in programma già nell'imminente week-end. Il circuito di Shanghai non è nuovo a Perez, che vi ha corso nel 2007 in A1GP. "È abbastanza impegnativo, direi che è simile a quello della Malesia", commenta. "Spero di poter essere più competitivo in qualifica, ma il mio obiettivo principale è fare esperienza".

stopandgo
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: News test e...   

Tornare in alto Andare in basso
 
News test e...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 7Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Autovelox News
» Norton NRV 588 Test a Donington
» test per misurare l'eta' biologica reale
» Test sospensioni
» primo scambio con le nuove PK ki15 300 (test su terra)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP..... :: Archivo :: F1 2011-
Andare verso: