Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....
Benvenuto nel forum dei motori


Per usufruire dei servizi offerti dal nostro forum, effettua il login se sei già parte del forum, in caso contrario, iscriviti alla nostra comunità, è totalmente gratuito.

Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....

Discussioni su sport motoristici, in particolare approfondimenti su Formula1 e MotoGP
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Nuove Auto e Moto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
AutoreMessaggio
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Ven 29 Apr 2011 - 20:50

Chevrolet Aveo 4 porte: la citycar gioca a tre volumi
Chevrolet propone la Aveo berlina, direttamente derivata dalla versione 5 porte, lunga 440 cm. Previsti per ora due propulsori, un 1.2 benzina da 86 Cv e un diesel 1.3 con 75 Cv dotato di sistema Start&Stop

Dopo essere stata svelata al pubblico americano al salone di Detroit lo scorso gennaio, la nuova Chevrolet Aveo 4 porte (in America si chiama Sonic) debutterà nel vecchio continente al Salone di Ginevra all’inizio di marzo. Rileva il modello attuale, che in Europa è al quarto posto delle vendite del proprio segmento di mercato (le compatte a quattro porte) con una quota del 12,5%.
- Aveo 4 porte, si affianca al modello con carrozzeria a due volumi presentato lo scorso settembre. In questo modo Chevrolet, punta a soddisfare due tipologie differenti di clienti, con versioni del medesimo modello che, pur mantenendo evidente la parentela che li caratterizza, mostrano anime profondamente alternative fra loro.
- La nuova berlina infatti, è caratterizzata da una linea più classica, che la rende adatta a un pubblico che predilige un prodotto più tradizionale. Target tipico, le famiglie.
- A questo proposito c'è da segnalare che già con Cruze, Chevrolet ha colpito nel segno delle berline tradizionali, facendone un vero e proprio piccolo fenomeno. Essendo una evoluzione della versione a cinque porte, la nuova Aveo berlina mantiene il frontale della sorella da cui deriva. Da questa mutua anche l’aspetto piuttosto filante della fiancata, accentuato dall’andamento inclinato della linea di cintura che ben si raccorda con il volume posteriore.
- Lunga praticamente 4 metri e 40 cm, Aveo pur rientrando nella categoria delle compatte a tre volumi, ha dimensioni comunque abbondanti e lascia prevedere un abitacolo piuttosto spazioso, anche in virtù della larghezza che supera il metro e settanta centimetri. Lo spazio è abbondante anche nel bagagliaio, visto che Chevrolet dichiara un volume di 502 litri.
- L’interno si caratterizza dalla plancia avvolgente con retro illuminazione blu. Previsti molti vani porta oggetti e un sistema audio dotato di presa USB, Aux-in, e Bluetooth. Di serie il controllo elettronico della stabilità ( ESC).
- Infine i motori. Sono previsti per ora due propulsori: un 1200 cc. da 86 Cv e un diesel 1300 con 75 cavalli ed equipaggiato con il sistema start e stop, per ridurre ulteriormente consumi e livello inquinanti nell’utilizzo urbano.

di Paolo Beducci
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Ven 29 Apr 2011 - 20:52

Chevrolet propone la Aveo berlina, direttamente derivata dalla versione 5 porte, lunga 440 cm. Previsti per ora due propulsori, un 1.2 benzina da 86 Cv e un diesel 1.3 con 75 Cv dotato di sistema Start&Stop

Tornare in alto Andare in basso
af1sintesi



Messaggi : 19
Punti : 19
Data d'iscrizione : 07.05.11

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Dom 8 Mag 2011 - 8:13

Beh rispetto alle moto nelle auto sono stato sempre un pò più internazionale, sopratutto se parliamo di auto degli ultimi 20 anni, scelta purtroppo dettata dalle politiche di costruzione delle auto italiane che ormai vanno sempre più verso il risparmio di materiali e manodopera ma prezzi e qualità sempre meno competitivi rispetto ad altre marche europee.
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Gio 19 Mag 2011 - 17:13

Mini rivoluzione: il metano per ripulire il vecchio diesel
In arrivo il kit per mettere a gas anche le automobili alimentate a gasolio.
"Il prezzo sarà vicino al kit per i motori a benzina, cioè dai 2.000 ai 2.500 euro"
- "Abbiamo fatto 125 anni con la benzina, negli ultimi 30 siamo andati anche a gasolio, ma il futuro sarà fatto da più fonti: si aggiungerà l’elettrico, certo, ma ci saranno anche il metano e il GPL".
- Stefano Landi non ha dubbi sulle potenzialità del suo business: costruire impianti a gas per automobili. Il quartier generale dell’azienda che porta il nome del padre, la Landi Renzo, è alle porte di Reggio Emilia, ma i clienti ormai sono in tutto il mondo, con un giro d’affari che supera i 300 milioni di euro. E adesso siamo alla vigilia di una svolta tecnologica che potrebbe interessare migliaia di automobilisti ‘vittime’ dei vecchi diesel, spesso esclusi dalla circolazione per le normative anti-inquinamento.

- Presidente Landi, a che punto siete con gli impianti per convertire a metano le auto a gasolio?
"Guardi che non si tratta di una novità assoluta: già nei primi anni’70 mio padre trasformò a gas due grossi motori diesel per conto della Snam. Eravamo in piano shock petrolifero. Oggi quell’idea ritorna, ma al posto delle vecchie pompe meccaniche abbiamo l’elettronica, con soluzioni molto più sofisticate".

Sì, ma quanto costerà la conversione?
"Beh, dipende dal modello, ma siamo sui prezzi del benzina, in una forbice che varia da 2 mila a 2.500 euro. Adesso stiamo lavorando all’omologazione, dato che i problemi tecnici sono stati risolti: c’è un abbattimento notevolissimo del particolato con motori Euro 1, Euro 2 o Euro 3, il problema di cui si sta discutendo è quello degli idrocarburi incombusti, ma anche su questo c’è un bel miglioramento".

Oggi si parla molto di macchine elettriche, mentre le stesse auto con i motori tradizionali stanno migliorando enormemente i consumi: non teme che in questo scenario si riduca lo spazio per il gas?
"No, lo spazio per metano e GPL rimarrà. Sa qual è il vero problema? Informare meglio gli automobilisti che, anche nel paese più ‘gasato’ d’Europa, che è l’Italia, ancora sanno poco di questi motori. Comunque: tre anni fa tutti parlavano dei biocarburanti come oggi parlano dell’elettrico, mentre oggi quasi nessuno sembra ricordarsi più dei carburanti vegetali. Vede, salvo l’exploit del 2009 con gli incentivi, il gas ha sempre fatto numeri marginali, ma costanti. E che ce l’ha non l’abbandona, perché sa quanto risparmia".

Quanti sono oggi gli italiani che guidano un’auto a gas?
"Circa due milioni: un milione e mezzo ha il GPL, 500 mila il metano. Il livello tecnologico è ottimo, dato che siamo in grado di omologare le macchine come Euro 5 e in prospettiva si potrà pensare a vetture monofuel, che sfruttino appieno le potenzialità del metano. Ma stiamo lavorando anche su altro…".

Tipo?
"Rendere ibride, con il doppio motore elettrico e benzina, auto che nascono solo con l’alimentazione a benzina. L’idea, elaborata con un’azienda nata dal Politecnico di Torino, è di lavorare sulle due ruote non motrici, cui applicare due motorini elettrici".

E così diventano auto a trazione integrale…
"A noi interessa che queste trasformazioni abbiano prezzi accessibili, come abbiamo fatto con il gas".

Mi tolga un’ultima curiosità: perché vi siete dedicati al metano in una terra in cui tutti hanno rincorso il sogno della velocità?
"Se è per questo, anche mio padre Renzo aveva la passione delle corse, faceva gare di regolarità con un Gilera. Ma qui a Reggio c’è sempre stata la cultura del metano, per un certo periodo si facevano andare le macchine addirittura col gasogeno. Poi, con l’esplodere delle tematiche ambientali, si è capito che il gas non è solo economico, ma anche ecologico. E’ stata la nostra fortuna…".


di Mauro Tedeschini

qnet

Tornare in alto Andare in basso
af1sintesi



Messaggi : 19
Punti : 19
Data d'iscrizione : 07.05.11

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Mer 25 Mag 2011 - 8:36

Alex ha scritto:
Ferrari FF, 4 posti, 660 cavalli e trazione integrale

Sarà una bella macchina non c'è dubbio...anche se sono un sostenitore delle lamborghini, ma comunque in qualche programma la hanno definita la ferrari epr famiglie, ora non per fare il critico ma...forse dovevano aggiungere la parola ricche alla fine Wink poichè non credo che sia alla portata di tutte le famiglie eheheh
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Gio 26 Mag 2011 - 15:49

eheh quello di sicuro...nn credo che questa macchina diventi un utilitaria XD
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
af1sintesi



Messaggi : 19
Punti : 19
Data d'iscrizione : 07.05.11

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Gio 26 Mag 2011 - 19:37

Alex ha scritto:
eheh quello di sicuro...nn credo che questa macchina diventi un utilitaria XD

ehehe...spero che la ferrari almeno non adoperi telai polacchi come l'alfa Wink e il gruppo fiat...
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Dom 12 Giu 2011 - 16:04

Porsche Panamera Turbo S: test con la più potente e veloce
Dopo la Diesel e la Hybrid nella famiglia della Panamera arriva una versione Turbo S. Motore V8 di 4,8 litri da 550Cv, sovralimentato da due turbocompressori, velocità massima 306 km/h, da 0 a 100 orari in 3,8. In vendita a 169.889 euro

Dopo la Diesel e la Hybrid destinate a chi da una Porsche pretende anche una certa sobrietà nei consumi, senza rinunciare a prestazioni che rispettino la tradizione del casato, nella famiglia della Panamera arriva una versione super-performante: la Turbo S. In vendita a 169.889 euro, è l’ottava componente della gamma e si pone con determinazione al di sopra di tutte le altre sia per la potenza di 550 Cv – per la cronaca la Turbo mette in campo “solo” 500 Cv - sia per la velocità massima di 306 all’ora e il tempo di 3,8 sec. in cui brucia lo scatto da 0 a 100 orari quando s’innesta il Launch Control. Ma non è tutto perché la Panamera Turbo S è anche la coupé a 4 porte più potente e veloce in circolazione.
L’indole di questa Panamera esteticamente è tradita da alcuni dettagli che, senza stravolgere i lineamenti della vettura, rendono il look più aggressivo. Si tratta dei cerchi da 20” con coprimozzi colorati, della carreggiata posteriore leggermente più larga rispetto a quella delle consanguinee, delle minigonne laterali di disegno esclusivo e dello spoiler retrattile posteriore a doppio profilo alare.
L’abitacolo, sempre configurato per ospitare comodamente 4 persone, propone invece abbinamenti cromatici e rivestimenti in pelle inediti che rendono più esclusiva l’atmosfera, sulla quale si riflettono anche le finiture in legno di betulla e l’equipaggiamento completissimo. Quest’ultimo include, fra i molti elementi, sia il pacchetto Sport Chrono Turbo, che con le funzioni Sport e Sport Plus permette in maniera consona alla guida impegnata sia la risposta dell’assetto insieme a quella del cambio e del motore, sia il più sofisticato sistema d’infotainment presente nel repertorio Porsche e, persino, la strumentazione arricchita dagli indicatori d'accelerazione longitudinale e trasversale, che evidenziano i "g" raggiunti.
L’evoluzione della Panamera Turbo in Turbo S, tuttavia, s’incentra sulla ridefinizione dell’elettronica di gestione del motore V8 di 4,8 litri a iniezione diretta sovralimentato da 2 turbocompressori che, in questa variante, hanno giranti in titanio-alluminio per ridurre l’inerzia e avvantaggiare la prontezza delle risposte.
Il V8 di Zuffenhausen - abbinato al cambio a doppia frizione PDK con 7 marce che scandisce dolcemente i rapporti nella modalità Automatica e prontamente in quella Sport - nella fase overboost può innalzare la coppia da 750 a 800 Nm tra 2.250 e 4.500 giri per rendere estremamente incisive sia le accelerazioni sia le variazioni di velocità.
In ogni caso si fa sempre apprezzare per il temperamento duttile, capace di sostenere la souplesse di marcia con la morbida erogazione e la tonalità melodiosa del motore. Ma anche istantaneamente in grado di manifestare grande impeto, rimarcato dalla variazione di volume, quando s’affonda con decisione l’acceleratore.
Una situazione adeguatamente sostenuta dal comportamento reso reattivo e preciso sia dal sistema PDCC (ovvero le barre antirollio attive, che riduce ai minimi termini il rollio) e dalla trazione integrale, sia dalle sospensioni attive settabili in 3 maniere differenti, dalle buone qualità dello sterzo e, infine, dalla forma dal bloccaggio a controllo elettronico del differenziale posteriore.
A tutto ciò s’aggiungono alti livelli d’affidabilità, sui quali influisce anche il mordente dell’impianto frenante a richiesta equipaggiabile con dischi carbo-ceramici, e un comfort davvero molto elevato. Paradossalmente, a volere essere pignoli si può solo dire che (sulle autostrade tedesche) il comfort è stato un po' ridimensionato dal fruscio aerodinamico che affiora oltre i 250 all'ora!
(auto-moto.virgilio.it)


Ultima modifica di Alex il Dom 12 Giu 2011 - 16:06, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Dom 12 Giu 2011 - 16:06

Ducati Monster 796: la prova della naked intermedia
È il giusto compromesso, il punto d'equilibrio tra prestazioni e maneggevolezza. È la Ducati per chi considera fuori portata l'esuberante 1100 e poco appetibile la piccola 696: motore 803 cc, potenza 87 cv con 78 Nm di coppia. E un prezzo che parte da 9.190 euro

Né troppo, né poco, solo 796. È la Monster di mezzo, il giusto compromesso per chi considera fuori portata l’esuberante 1100 e poco appetibile la piccola 696. Mancava, infatti, nel catalogo Ducati una naked con motorizzazione “intermedia” che infastidisse la diretta concorrenza come Yamaha F800, Triumph 675 ecc.
Eccola. La Monster 796 si presenta come il punto d’equilibrio tra prestazioni e maneggevolezza. Riprende forme e linee che dal 2008 contraddistinguono la nuova generazione Monster, ma cambia nella sostanza. Innanzitutto avvalendosi delle performance del bicilindrico a L con distribuzione Desmodromica, raffreddato ad aria, di 803 cc, realizzato a suo tempo per la Hypermotard 796.
Poi, rivedendo la posizione di guida con un’altezza sella che scende a 800 mm (10 mm in meno rispetto alla 1100) e un manubrio, di alluminio a sezione variabile, che per mezzo di raiser differenti si posiziona 20 mm più in alto.
Arrivano anche le leve di freno e frizioni regolabili su quattro differenti posizioni, l’APTC, la frizione assistita in bagno d’olio, capace di agire in modalità ‘antisaltellamento’ e, al contempo, di offrire il vantaggio supplementare di un’ottima modulabilità. C’è anche l’ABS, offerto come optional.
In sella alla 796 si sta più comodi, più rilassati, rispetto a quanto possa accadere sulle sorelle di differente cubatura. Certo, la tendenza ad allungarsi sul serbatoio per impugnare il manubrio rimane, anche se in maniera meno accentuata. D’ogni modo, tutto appare sotto controllo, e sfruttare i medi di questo gustoso bicilindrico è un gioco da ragazzi.
L’erogazione è amichevole, sicuramente meno spigolosa di quella offerta dalla più potente 1100, ma alquanto godibile: non annoia il pilota smaliziato e non spaventa il neofita. Il motore è in grado di regalare 87 cv a 8.250 giri/minuto e una coppia di 78 Nm a 6.250 giri/minuto.
Prestazioni migliori rispetto all’unità montata sulla Hyper 796, ma giustificate dall’albero motore derivato dalla 848 (con corsa portata a 66 mm rispetto ai 57,2 mm della 696) e carter ridisegnati per un risparmio di ben 1,2 kg rispetto alle fusioni della 696.
Sottotono, invece, il comportamento delle sospensioni. La forcella Showa con steli da 43 mm e il monoammortizzatore Sachs, ereditati dalla 696, su fondi non perfettamente lisci arrivano presto al limite della loro corsa.
Monster 796 è disponibile nel tradizionale Rosso Ducati, Arctic white silk e Diamond black silk, tutte con telaio a traliccio rosso e ruote nere. Tre livree che diventano tredici grazie alle grafiche offerte dalla collezione Monster Art. Prezzi a partire da 9.190 euro.
(auto-moto.virgilio.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
DesmoTommi

avatar

Messaggi : 23
Punti : 31
Data d'iscrizione : 23.02.11
Età : 28
Località : Galciana (PO)

MessaggioTitolo: Test Polo WRC   Ven 4 Nov 2011 - 13:47

Dopo mesi di agonie, negozi specializzati, riparazioni posticce, finalmente ho tra le mani il mio fedelissimo computer, e colgo l'occasione del mio rientro all'attività del forum, segnalandovi alcuni avvistamenti. Che sia il ritorno in grande stile della casa del popolo tedesco nel rally internazionale? Intanto godiamoci le immagini (ma soprattutto l'audio) di questo video inedito...

Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 62
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   Ven 4 Nov 2011 - 13:53

grazie tommi bel video e poi quel sonoro bentornato tra noi sentivamo la tua mancanza moto
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Nuove Auto e Moto   

Tornare in alto Andare in basso
 
Nuove Auto e Moto
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
 Argomenti simili
-
» partecipazione ad una manifestazione di auto e moto d'epoca della tutto restauro car detailing
» Primo ordine per pulizia e trattamento auto e moto
» 1° Raid Auto e Moto d'Epoca-Trofeo I Portali
» 3° Raduno Auto e moto d'epoca I Vicerè
» assicurazione attraverso associazione RIVA

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP..... :: Motori-
Andare verso: