Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....
Benvenuto nel forum dei motori


Per usufruire dei servizi offerti dal nostro forum, effettua il login se sei già parte del forum, in caso contrario, iscriviti alla nostra comunità, è totalmente gratuito.

Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP.....

Discussioni su sport motoristici, in particolare approfondimenti su Formula1 e MotoGP
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Jerez Spagna

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Jerez Spagna   Ven 1 Apr 2011 - 15:37

Libere 1: Honda subito padrone, Rossi è terzo
Stoner e Pedrosa chiudono divisi da pochi millesimi, il resto del gruppo è staccatissimo

Se ci si ferma a guardare le prime due posizioni della classifica al termine della prima sessione di prove libere del Gp di Spagna della MotoGp, è lecito dire che rispetto a Losail sembra essere cambiato veramente poco.
A dettare il passo, davanti a tutti, ci sono ancora una volta le due Honda RC212V ufficiali affidate al tandem composto da Casey Stoner e Dani Pedrosa. Il leader del mondiale ed il suo compagno di squadra si sono scambiati più volte le posizioni, ma alla fine è stato l'australiano a spuntarla in 1'39"551, tempo con cui ha preceduto di appena 28 millesimi lo spagnolo.
Ancora una volta però è il distacco dal terzo che deve preoccupare il resto del gruppo, visto che siano nuovamente nell'ordine del mezzo secondo, anche se per "Camomillo" le cose non sono tutte rose e fiori come potrebbe sembrare, visto che il suo indolenzimento al braccio è parso piuttosto evidente.
La vera sorpresa però è il nome del pilota che occupa la terza posizione, visto che si tratta di Valentino Rossi. Il ducatista per ora sembra pagare molto solo negli ultimi due settori del tracciato andaluso e rispetto al Qatar è riuscito a contenere molto il distacco. Non bisogna dimenticare però che anche Losail il weekend era cominciato bene: la speranza nel box Ducati, quindi, è di non concedere il bis.
Alle spalle di Rossi, a completare la top five troviamo un ottimo Marco Simoncelli, seguito da Jorge Lorenzo. Il campione del mondo è parso piuttosto in difficoltà in questa sessione e si è preso anche un rischio non indifferente, rimanendo in piedi per miracolo con la sua Yamaha M1 nei pressi del curvone. Impresa che non è riuscita invece ad Andrea Dovizioso, sesto, che è caduto nello stesso punto proprio nei minuti finali.
Se Valentino ha lanciato un buon segnale, non si può dire invece che le cose stiano andando bene per le altre Desmosedici, che si ritrovano ai margini della top ten con Randy De Puniet e Nicky Hayden, entrambi staccati di oltre un secondo dal loro leader.
Come era prevedibile, infine, non è stato facile il rientro di John Hopkins che per ora si è dovuto accontentare dell'ultimo tempo, anche se alla fine la sua Suzuki ha nel mirino almeno tre o quattro piloti i cui tempi non sembrano irraggiungibili.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Ven 1 Apr 2011 - 15:38

Libere 2: Pedrosa scavalca Stoner
Le due Honda fanno ancora il vuoto su Lorenzo, mentre Rossi scivola al quinto posto

Si alzano leggermente i tempi nella seconda sessione di prove libere della MotoGp a Jerez, ma la musica non cambia. A guidare il gruppo sono sempre le due Honda RC212V ufficiali, anche se questa volta è stato Dani Pedrosa ad avere la meglio su Casey Stoner.
Nonostante ci sia un intervento alla clavicola ad attenderlo la settimana prossima, lo spagnolo non ne vuole sapere di darsi per vinto e, almeno in qualifica, sembra in grado di impensierire il compagno di squadra. E' tutto da dimostrare però che il suo braccio sia in grado di reggere i ben 27 giri della gara di domenica.
Dietro ai due portacolori della HRC, in terza piazza si è riportato Jorge Lorenzo, anche se il campione del mondo in carica e la sua Yamaha si sono visti rifilare la bellezza di mezzo secondo da "Camomillo". Dietro al maiorchino si conferma in quarta piazza Marco Simoncelli, che a sua volta precede Valentino Rossi.
Come tutto il resto del gruppo, anche il campione di Tavullia ha lavorato molto sull'assetto da gara della sua Desmosedici, alzando i tempi rispetto a questa mattina. Tuttavia, per lui c'è stato un leggero passo indietro, visto che il distacco dai primi è aumentato a circa otto decimi.
La nota positiva per Rossi però può essere la crescita generale delle Ducati, con anche Randy De Puniet che si è inserito in sesta piazza davanti a Ben Spies e Nicky Hayden. Stupisce però soprattutto il decimo tempo stampato dall'esordiente Karel Abraham, nonostante sia stato anche vittima di una scivolata nei pressi della Dry Sac.
Da segnalare anche le scintille tra Rossi e Lorenzo, che si sono resi protagonisti di un episodio simile a quello che ha visro coinvolti Marco Melandri e Max Biaggi a Donington. In questo caso però le reazioni dei due protagonisti sono state decisamente più civili...
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Ven 1 Apr 2011 - 16:00

le dichiarazioni di Valentino Rossi e Lorenzo

Seconda prova del mondiale di MotoGP 2011. Dopo la prima prova in Qatar, vinta da Stoner, i piloti si sono trasferiti in Europa, in Spagna a Jerez. Valentino Rossi non vede la pista iberica come una delle favorite per la Ducati, ma spera di far meglio rispetto alla prima uscita. Valentino che sulla pista spagnola, dove ha conquistato otto vittorie,di cui sei in motoGP, così si è espresso: “Dal punto di vista tecnico, Jerez pare non essere la pista più favorevole per la Ducati ma vedremo, a me è sempre piaciuta molto e dobbiamo sicuramente provare a far meglio che in Qatar. Per il momento continueremo a lavorare sul set up, utilizzando tutto quello che abbiamo capito durante la prima gara“.
Lorenzo riconosce la forza della Honda: “La Honda è la squadra da battere, ma noi non siamo così distanti e credo che a Jerez, che ha caratteristiche così diverse dal Quatar, le nostre qualità possano emergere e ridurre il gap della prima corsa“. Per il leader del Mondiale Stoner Jerez non è mai stato un circuito dove si è trovato molto bene, ma si dichiara entusiasta della sua Honda e pertanto è fiducioso in un buon risultato. Il campione spagnolo Pedrosa, che dopo Jerez si sottoporrà ad un nuovo intervento chirurgico per risolvere i problemi che gli procuravano dolori e perdita di forza al braccio sinistro, limitandolo nel duello con Stoner nel Qatar, concentrerà tutte le sue forze su questo Gp per far felici i suoi innumerevoli fans,che gli saranno vicini con tutto il loro calore.

notizie italiane
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Ven 1 Apr 2011 - 16:08

I tempi delle seconde prove libere a Jerez:

1 PEDROSA D.Repsol Honda Team 1:40.101
2 STONER C.Repsol Honda Team +0.188
3 LORENZO J.Yamaha Factory Racing +0.522
4 SIMONCELLI M.San Carlo Honda Gresini +0.600
5 ROSSI V.Ducati Team +0.855
6 DE PUNIET R.Pramac Racing Team +0.946
7 SPIES B.Yamaha Factory Racing +0.952
8 HAYDEN N.Ducati Team +0.957
9 AOYAMA H.San Carlo Honda Gresini +1.191
10 ABRAHAM K.Cardion AB Motoracing +1.203
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Ven 1 Apr 2011 - 17:13

ROSSI: "CI STIAMO AVVICINANDO"
"Anche se Ducati va meglio col fresco"

Dopo il secondo turno di libere di Jerez, Rossi non è troppo deluso del 5° tempo: "Nel pomeriggio un po' tutti hanno sofferto. Noi abbiamo perso qualche decimo in più perché col caldo soffriamo e andiamo meglio col fresco. Abbiamo fatto delle prove, stiamo ancora cercando il setting e il bilanciamento giusto della moto. C'è un po' di lavoro da fare, ma sono contento perché, a parte le prime due Honda, gli altri sono tutti lì abbastanza vicini".
Valentino ha già identificato gli obiettivi per il weekend spagnolo: "Stoner e Pedrosa per ora sono troppo avanti, ma altri sono tutti lì abbastanza vicino che è un po' il nostro obiettivo".
Quindi la condizione fisica del pilota di Tavullia sarà una variabile importante anche in questo GP: "Per quanto riguarda la spalla mi manca ancora forza, però ho migliorato un po' in resistenza, che per la gara potrebbe essere buono. Non sono ancora al 100%, ma spero di avere abbastanza forza fino a fine gara".
Rossi ha lavorato molto durante le libere con entrambe le moto e spiega: "Usiamo due setting diversi per le due moto. Hanno soluzioni ciclistiche un pochino diverse: uno molto simile a quella usata in Qatar e l'altra ha una distribuzione dei pesi nuova. Nel pomeriggio ho continuato a girare con la seconda moto, che va abbastanza bene, ma non ho tanto feeling sul davanti. E' questo che dobbiamo cercare di migliorare domani".
Per la gara di domenica è provista pioggia e il numero 46 sorride: "Dicono che la Ducati vada forte sul bagnato... vediamo".

sportmediaset
Tornare in alto Andare in basso
Wainer88



Messaggi : 12
Punti : 64
Data d'iscrizione : 18.02.11

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 4:37

Rossi inizia ad ingranare la marcia giusta .... Fra poco c si inizia a divertire
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 7:26

Venerdì 1 aprile

Italia 1
h. 00:40 Grand Prix - Prove (sintesi)

Sabato 2 aprile

Italia 1
h. 13:30 Grand Prix Moto (rubrica sportiva)
h. 13:55 MotoGP Qualifiche (diretta)
h. 15:00 125cc Qualifiche (sintesi)
h. 15:10 Moto2 Qualifiche (diretta)

Domenica 3 aprile

Italia 1
h. 10.45 125 cc gara
h. 12.15 Moto2 gara
h. 14.00 MotoGP gara
h. 15.00 Fuorigiri (rubrica sportiva)
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 9:34

Pedrosa limitato dai suoi problemi fisici
Per ora ha fatto solo run brevi perchè il problema al braccio si è ripresentato subito a Jerez

Visti i suoi problemi fisici, Dani Pedrosa è senza dubbio uno degli osservati speciali del weekend di Jerez della MotoGp. La prossima settimana lo spagnolo tornerà in sala operatoria per provare a liberarsi del problema di intorpidimento e perdita di forza che colpisce il suo braccio sinistro quando è sotto sforzo, ma intanto in pista vuole provare a raccogliere il massimo.
La prima giornata di prove però gli ha già fatto capire che la situazione non è migliorata rispetto a due settimane in Qatar. Del resto, il suo problema è dovuto ad una compressione dell'arteria succlavia, provocato dalla placca metallica che gli era stata inserita per curare la frattura alla clavicola. Dunque, un pò di riposo non basta per curarlo, l'unico modo è farlo chirurgicamente.
"Sto faticando proprio come in gara in Qatar perchè la situazione non è cambiata. Non potendo fare nulla per stare meglio, posso solo stare concentrato sulla guida per fare del mio meglio. Per questo per ora ho effettuato solo dei run piuttosto brevi, concentrandomi sulla messa a punto per la gara" ha spiegato il pilota della Honda al termine delle libere di ieri.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 9:35

Libere 3: Pedrosa si conferma al top
Tripletta Honda al comando con Lorenzo quarto e lontanissimo. Rossi invece è sesto

Tutti si preoccupano per le sue condizioni fisiche, ma nell'ultimo turno di prove libere a Jerez de la Frontera Dani Pedrosa ha lanciato un segnale importante al resto del gruppo della MotoGp: ci sarà anche lui a lottare, almeno per quanto riguarda la pole position del Gp di Spagna.
Il pilota spagnolo è stato l'unico capace di infrangere la barriera del 1'39", arrivando a realizzare un ottimo 1'38"864 con cui è riuscito a rifilare la bellezza di tre decimi al compagno Casey Stoner. Ancora una volta comunque sono le Honda RC212V a fare da padrone, con Marco Simoncelli che è riuscito a scalare la classifica fino al terzo posto, limitando il suo distacco dalle due moto colorate Repsol.
Quarto tempo per il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo, che però si è visto rifilare un'eternità da Pedrosa: il portacolori della Yamaha ha infatti chiuso con un ritardo di oltre otto decimi, precedendo di appena una manciata di millesimi le due Ducati di Randy De Puniet e Valentino Rossi.
Per il "Dottore" le cose qui a Jerez sembrano andare un pelino meglio rispetto a Losail, nel senso che la top five sembra decisamente di più alla portata della sua Desmosedici. E' anche vero però che con il passare delle sessioni il suo ritardo dalle Honda continua ad aumentare, seguendo un pò il copione già visto in Qatar.
Ottima poi la performance delle due Yamaha del team Tech 3, che con Cal Crutchlow e Colin Edwards si sono installate in settima ed ottava posizione, riuscendo a tenersi dietro la M1 ufficiale di Ben Spies, che non riesce proprio ad emergere su questo tracciato.
La grande delusione però continua ad essere Andrea Dovizioso, che ancora una volta è stato letteralmente massacrato dalle altre tre Honda ufficiali. L'italiano non è riuscito a fare meglio del decimo tempo, ma è il distacco di ben 1"3 da Pedrosa (che sono comunque 0"9 da Simoncelli) che deve preoccupare.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 15:27

Qualifiche
1 27 Casey STONER AUS Repsol Honda Team 1:38.757 1:39.104 0.000 0.000
2 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team 1:38.915 1:38.915 0.158 0.158
3 1 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing 1:38.918 1:40.718 0.161 0.003
4 11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing 1:39.390 1:39.390 0.633 0.472
5 58 Marco SIMONCELLIITA San Carlo Honda Gresini 1:39.486 1:40.258 0.729 0.096
6 4 Andrea DOVIZIOSOITA Repsol Honda Team 1:39.709 1:44.534 0.952 0.223
7 14 Randy DE PUNIET FRA Pramac Racing Team 1:39.892 1:39.892 1.135 0.183
8 5 Colin EDWARDS USA Monster Yamaha Tech 3 1:39.895 3:54.370 1.138 0.003
9 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 1:40.019 2:16.289 1.262 0.124
10 7 Hiroshi AOYAMA JPN San Carlo Honda Gresini 1:40.168 1:41.883 1.411 0.149
11 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team 1:40.175 1:54.434 1.418 0.007
12 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team 1:40.185 1:40.528 1.428 0.010
13 8 Hector BARBERA SPA Mapfre Aspar Team MotoGP 1:40.217 1:41.030 1.460 0.032
14 21 John HOPKINS USA Rizla Suzuki MotoGP 1:40.310 1:47.523 1.553 0.093
15 65 Loris CAPIROSSI ITA Pramac Racing Team 1:40.523 1:41.219 1.766 0.213
16 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing 1:40.601 1:40.601 1.844 0.078
17 24 Toni ELIAS SPA LCR Honda MotoGP 1:41.114 1:41.351 2.357 0.513
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 17:11

Rossi: "Potevo migliorare"
"La caduta ci ha rovinato i piani"

"La cosa positiva è che non mi sono fatto male quando sono scivolato, però peccato, perché ci ha rovinato tutti i piani". Così Valentino Rossi commenta il dodicesimo tempo ottenuto nelle qualifiche di Jerez e spiega: "La prima moto era quella che preferivo e stavo andando piuttosto bene, non avevo il ritmo soprattutto di Lorenzo e Pedrosa, ma non ero lontano dagli altri e potevo provare a migliorare. Mi si è chiuso il davanti e sono scivolato".
La qualifica spagnola è stata quindi in salita per Rossi: "La moto si è un po' rovinata e l'altra, la numero due, era molto diversa perché noi stiamo facendo ancora un po' di test... e con l'altra non ce l'ho fatta a fare meglio. Anzi ho cercato di spingere, ma davanti non la sentivo bene e per evitare di fare un'altro errore non ce l'abbiamo fatto a fare più di così".
Il Dottore però resta ottimista per la corsa: "Per la gara tornerò ad usare la moto uno e abbiamo delle idee per farla andare ancora meglio. Anche sotto il profilo dell'elettronica e altre cose da provare. Sono convinto di poter tenere un buon ritmo però devo partire dalla quarta fila...".
Senza contare che anche la condizione fisica di Valentino non è ancora al top, anche se sembra migliorare: "Questa è una pista che mi piace e mi diverto a guidare qui dentro. La spalla mi manca un po' di forza però non ne perdo tanta come in Qatar dopo un po' di giri. Quindi per la gara speriamo di tenere botta fino alla fine".
sportmediaset
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Sab 2 Apr 2011 - 22:32

Simoncelli: "Prima fila sfumata per un errore"
In ogni caso SuperSic è molto ottimista in vista della gara di domani

Un piccolo errore nel giro in cui stava migliorando il suo tempo ha forse compromesso, al pilota del Team San Carlo Honda Gresini, Marco Simoncelli, la prima fila sullo schieramento di partenza per la gara di domani. Una seconda fila con il quinto tempo è comunque positiva considerando che “Super Sic” in configurazione gara è molto concreto e costante. Il suo feeling con la Honda RC212V è positivo e trasmette in lui la fiducia necessaria per poter essere tra i protagonisti anche in questo secondo Gran Premio della stagione.
Caduta invece per il giapponese Aoyama con una leggera contusione al ginocchio sinistro causato da un forte urto contro la ruota posteriore della sua moto. Per lui una quarta fila con un tempo ottenuto con la gomma dura, prima della caduta. Se, comunque, risolverà un fastiodioso chattering concausa della caduta potrà disputare, sicuramente, una gara positiva.

Marco Simoncelli: “Ho fatto un piccolo errore in entrata alla curva nove, sono arrivato lungo ed ho perso molto terreno e constatato che il tempo non lo avrei più migliorato ho preferito rientrare al box. Forse ho sbagliato perché la gomma era ancora fresca e avrei dovuto continuare cercando di provare a realizzare un buon tempo . Comunque non sono messo assolutamente male anche se questo pomeriggio ho faticato un po’ di più rispetto a questa mattina quando anche con la gomma dura riuscivo a fare 1’ 39” 5 di passo. Però mi conforta che oggi abbiamo fatto fatica quasi tutti. In ogni caso, per la gara, credo di essere in una miglior condizione rispetto al Qatar. Se riuscirò a ripetere i tempi di questa mattina ci sarà da divertirsi”.

Hiroshi Aoyama: ”Una caduta che non ci voleva. Il pomeriggio era iniziato molto bene e le premesse per ottenere un buon posto sullo schieramento di partenza c’erano tutte. Peccato ho sofferto un pò per il chattering che forse è stata la causa della caduta e poi il dolore al ginocchio ha compromesso il resto della giornata. Per domani spero che il dolore sia minore e se riusciremo a risolvere i problemi di feeling con la moto potrei fare una bella gara”.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Dom 3 Apr 2011 - 13:04

Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Dom 3 Apr 2011 - 13:50

L'illusione di Valentino, la concretezza di Lorenzo
A Jerez il campione di Tavullia paga un errore nella gara che forse avrebbe potuto vincere

Valentino Rossi l'ha fatta grossa. Un errore e non una scorrettezza. Ha staccato oltre il punto di tenuta della sua gomma anteriore e ha steso l'incolpevole Casey Stoner con una scivolata alla prima curva. Il Dottore sul bagnato di Jerez si è esaltato: ha dimostrato che la spalla ancora offesa nella gara dei motoscafi non conta e l'imbizzarrita Ducati diventa un razzo più facilmente guidabile.
In pochi giri aveva recuperato le posizioni da podio con l'indiscutibile vena del campione, ma non ha saputo aspettare. Non ha giocato al gatto con il topo come eravamo abituati a vederlo fare negli anni scorsi. Valentino ha avuto fretta di mettere le ruote davanti a tutti, senza fare i conti con le condizioni veramente insidiose del tracciato andaluso.
Quasi che fosse consapevole che quella situazione miracolosa non sarebbe durata a lungo. Voleva quindi dare un segno a tutti della sua integrità agonistica, se non fisica e tecnica. E, invece, il campionissimo ha aperto il valzer delle cadute che ha decimato l'ordine d'arrivo, al punto che il pilota di Tavullia è arrivato quinto, nonostante fosse piombato nelle posizioni di retroguardia dopo la scivolata.
E subito dopo aver tagliato il traguardo Rossi è corso nel box della HRC per scusarsi con Stoner: un gesto da campione inossidabile che sa ammettere quando ha commesso un errore. Meno signorile l'atteggiamento di Stoner, visibilmente arrabbiato per l'incidente, e pungente con Valentino a cui non ha risparmiato l'ironia sulla spalla, anziché accettarne le scuse.
Il bello è che davanti a tutti c'era Simoncelli con la Honda di Gresini: il romagnolo sembrava che stesse correndo sull'asciutto, mentre gli altri navigavano nell'acqua. SuperSic non aveva niente da perdere e ha inferto alla gara un ritmo decisamente insostenibile. Le gomme Bridgestone da bagnato, dopo qualche giro, hanno cominciato a degradarsi perché non pioveva più.
Marco ha pagato l'inesperienza: a Jerez bisognava restare in sella e invece si è fatto disarcionare dalla sua Honda proprio nella stessa curva del contatto fra Valentino e Stoner. Quando era necessario adeguare la prestazione alla pista, Simoncelli si è perso: un errore di gioventù che cancella una possibile vittoria. Avrà occasione per rifarsi e non dimenticherà certo la lezione.
E così alla fine il bersaglio grosso l'ha centrato il campione del mondo in carica. Jorge Lorenzo nei primi giri è stato prudente: ha evitato di cercare guai, cercando di preservare le gomme per una gara si preannunciava dura, durissima, quanto imprevedibile.
Praticamente ad ogni giro c'era un pilota steso per terra, per cui la graduatoria è cambiata ad ogni giro, determinata più dall'evolversi delle scivolate che dai sorpassi: va reso, dunque, merito a Lorenzo di aver tenuto i nervi saldi nella bolgia delle cadute e rimanendone indenne ha colto una vittoria che lo spinge nuovamente in testa al mondiale.
E così il campionato iridato prende un'altra piega dopo solo due Gp: chi si aspettava il dominio Honda è stato deluso, la superiorità della Casa giapponese si è già persa e, soprattutto, Stoner rimane con un pugno di mosche in mano dopo un week end nel quale contava di allungare il vantaggio sugli avversari.
L'onore della HRC è stato salvato da Pedrosa che ha fatto la formichina: “Camomillo” incamera 20 punti preziosi con il secondo posto in attesa di andare in sala operatoria per mettere definitivamente a posto il braccio dolorante. Dani saprà capitalizzare questo piazzamento, utile a far ridiscutere le gerarchie di squadra.
Il podio di Hayden con la Ducati, frutto di uno sterminio si scivolate, dà morale alla Casa di Borgo Panigale: dove sarebbe arrivato Rossi se non fosse caduto? La domanda è lecita, ma la realtà è molto diversa. Valentino ha commesso l'errore del “principiante”, mentre il giovane Lorenzo ha corsa da veterano. Forse, la differenza sta tutta qui...
da omnicorse
di Franco Nugnes
Tornare in alto Andare in basso
davchi

avatar

Messaggi : 21
Punti : 26
Data d'iscrizione : 18.02.11

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Dom 3 Apr 2011 - 14:03

simoncelli ha fatto una buona gara poi quando cade perde tutto peccato,rossi non mi è piaciuto molto fa troppi errori però la cosa che mi è piaciuto dopo la caduta ricomincia dall' ultima posizione scavalca quasi tutti arriva quinto
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Dom 3 Apr 2011 - 16:58

ROSSI: "ERA IMPORTANTE SCUSARMI"
"Non mi interessa cosa dice Stoner"

"Colpa della spalla... Valentino ha più ambizione che talento", dice un Casey Stoner furioso. "Forse non sa esattamete chi sono io", replica Rossi. E' il botta e risposta dopo la caduta che ha coinvolto i due piloti nel GP di Spagna. Il Dottore precisa: "Ci sta, Casey è arrabbiato, ma per me era importante chiedergli scusa, quello che dice lui non mi interessa tanto. Bisognerà lavorare di fino su questa moto, in passato ci hanno lavorato poco...".
Il pilota di Tavullia è andato a scusarsi ai box della Honda, ma all'australiano non sembra essere bastato e commenta ironico: "La spalla tutto bene?"- poi Stoner prosegue stizzito nelle interviste - "Valentino ha più ambizioni che talento. Si è scusato e questo è positivo, ma le cose non sono andate bene per me. Lui non è felice di come va la moto e non riesce a partire davanti, noi gli abbiamo dato un'ottima moto, ma a questo punto bisognerà aspettare che la sua spalla migliori per vedere buoni sorpassi".
Rossi conferma le scuse, ma non accetta il sarcasmo di Stoner: "Mi dispiace, è stato un errore e sono anche andato da lui per chiedergli scusa, ma forse non sa chi sono io", poi torna sulla gara: "Peccato rovinare la gara così. Ho fatto un regalo anche a Simoncelli che poi però ho visto cadere dal maxi-schermo. Abbiamo sprecato un'occasione perché avevo pensato che potevo andare vicino alla vittoria"
sportmediaset
Tornare in alto Andare in basso
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 12:19

Stoner: "Valentino poteva scusarsi in privato"
Rossi però giura sulla bontà delle sue scuse per l'incidente che ha eliminato l'australiano
Nonostante la vittoria di Jorge Lorenzo, l'argomento del giorno per la MotoGp è senza dubbio il contatto che ha avuto per protagonisti Casey Stoner e Valentino Rossi. Il ducatista è infatti scivolato nel tentativo di attaccare l'australiano: l'italiano è finito a terra e a quel punto il pilota della Honda non ha potuto fare nulla per evitarlo, cadendo a sua volta.
Rossi è stato poi aiutato dai commissari di percorso, mentre la RC212V di Stoner si è spenta, costringendo il poleman ad alzare bandiera bianca. Anche questa è stata una situazione che non è andata giù all'ex campione del mondo, visto che tutti i commissari presenti sulla scena dell'incidente sono andati ad aiutare Valentino, lasciando spegnere la sua Honda.
"Siamo partiti bene, senza spingere troppo perchè sapevamo che le gomme non erano proprio le più adatte. Rossi è sopraggiunto dall’interno della curva e non è stato capace di rimanere in sella alla sua moto, trascinandomi a terra con lui" ha detto Stoner appena giunto ai box. "Dopo i grandi risultati visti durante tutto il weekend, questa non è stata certo la conclusione che speravamo. Questo finale non ci da il giusto merito: è stata una gara lunga e con parecchie cadute, e proprio per questo stavamo facendo bene e con la calma necessaria".
Subito dopo la bandiera a scacchi, Rossi si è poi precipitato nei box della HRC per scusarsi con il rivale, che non ha gradito che la cosa sia avvenuta davanti alle telecamere: "Avrei preferito ricevere le scuse di Valentino personalmente in privato e non pubblicamente davanti alle telecamere. Non so se Valentino l’ha fatto con sincerità. Penso l'abbia fatto solo per dimostrare a tutti che si era scusato per l'accaduto. Certo, è un bel gesto, ma non cambia quanto successo oggi e soprattutto il risultato finale. Ora aspettiamo di vedere cosa succederà nelle prossime gare".
Il ducatista invece giura sulla bontà delle sue scuse: "È stata una gara diversa dal solito. Le condizioni erano pessime e abbiamo corso tutti al limite. Sono partito subito veloce sull’asfalto bagnato, all’inizio della gara, ma ho commesso un errore in frenata e sono caduto. Sfortunatamente ho coinvolto anche Stoner. Mi sono immediatamente scusato con lui. Con la gara di oggi avremmo potuto fare grossi risultati, magari arrivando sul podio, ma il risultato finale non è stato comunque male".
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 16:15

Per Lorenzo si tratta del primo successo sul bagnato
Lo spagnolo si è preso la leadership del mondiale nonostante lo strapotere delle Honda

Jorge Lorenzo non si ferma davanti alla pioggia e va a prendersi la vittoria davanti al suo pubblico a Jerez. Questo secondo appuntamento della stagione 2011 MotoGp verrà sicuramente ricordato per le pessime condizioni del tracciato che hanno fatto non poche vittime lungo i 27 giri di tutta la durata. Partito subito secondo, Lorenzo è sempre rimasto ancorato alle prime 3 posizioni, mantenendo la calma e il sangue freddo che gli hanno poi permesso il trionfo finale.
Il compagno di squadra Ben Spies ha visto sfumare davanti a sè il possible primo podio della stagione a soli tre giri dalla fine della gara. Superata qualche incertezza iniziale, Spies ha condotto una prova agli stessi livelli di Lorenzo, su una pista difficile che presentava sia tratti bagnati che tratti asciutti. Il texano ha mancato solo di un soffio una possible accoppiata Yamaha ai vertici del podio e si è dovuto arrendere al pessimo stato del tracciato.

Jorge Lorenzo: "È stata una grande vittoria. Sono molto soddisfatto. Ho avuto molta pazienza e sono così riuscito ad ottenere il mio primo trionfo su un tracciato bagnato. Ora lavoreremo ancora sulla moto per mettere a referto più punti possibili. Il Re di Spagna mi ha ricordato che l’ultima volta che ci eravamo incontrati a Madrid in febbraio, mi aveva portato fortuna e ha poi aggiunto che oggi sarebbe successo lo stesso..e infatti così è stato! Con il livello elevato a cui è giunta la competizione, non avrei mai immaginato di essere leader del campionato dopo solo due gare. Sono davvero felice".

Ben Spies: "Non sono molto soddisfatto dopo la gara di oggi. Sono partito bene posizionandomi 4º dietro Hayden. Pedrosa era davanti a me a pochi secondi, quindi ho aspettato il momento giusto e l’ho sorpassato balzando così in seconda posizione, dietro l’altra Yamaha di Lorenzo. Sono rimasto concentrato e calmo cercando di evitare errori ma purtroppo sono scivolato fuori pista. È stata colpa mia, ma sicuramente la gara di oggi ha regalato grandi emozioni al pubblico".
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 16:16

Simoncelli: "Peccato! Potevo fare un grande risultato"
Anche Sic si lamenta del trattamento ricevuto dai commissari dopo la caduta

Poteva essere una giornata trionfale per il pilota del Team San Carlo Honda Gresini, Marco Simoncelli. La giornata della consacrazione con la sua prima vittoria nella classe MotoGP. “Super Sic” era carico e determinato è andato quasi subito all’attaco con grande convinzione portandosi al comando della gara, ma quando sembrava avere la situazione in mano una scivolata improvvisa dovuta alle precarie condizioni delle gomme sulla pista bagnata lo ha tolto di scena. Peccato! che i comissari non gli abbiano concesso ben che minimo aiuto per ripartire, concesso invece ad altri piloti! Peccato! per Aoyama che con una gara accorta sia arrivato a soli 4 decimi dal podio! Forse con maggior determinazione nel superare piloti più lenti di lui nelle prime battute della gara ci sarebbe riuscito!

Marco Simoncelli: “Sono molto dispiaciuto! Ho visto che, dopo quattro cinque giri, si faceva fatica con le gomme e malgrado l’inconveniente il mio vantaggio su Lorenzo aumentava oltre ad avere la sensazione di poter controllare abbastanza bene la situazione. Purtroppo invece alla prima curva, dopo il rettilineo di arrivo, mi si è chiusa davanti e poi mi è subito scivolata dietro, ho cercato di controllarla ma non ci sono riuscito. Purtroppo nelle corse può accadere e seppur dispiaciuto sono contento di aver dimostrato ulteriormente che quest’anno ci sarò anch’io. Il mio più grande rammarico è però quello di non aver ricevuto il ben che minimo aiuto dai comissari al contrario di altri piloti. La moto era in buone condizioni e se fossi ripartito avrei comunque potuto rimediare una bella gara. Ritengo che tutto ciò non sia giusto. Io comunque ci sono ed ho dimostrato di poter giocarmela con i migliori della classe. L’appuntamento con un risultato importante è solo rimandato“.

Hiroshi Aoyama: ”Oggi la situazione era molto critica e con una gara accorta ho portato a casa un buon risultato. Molti piloti sono caduti ed io ho cercato di gestire al meglio la gara nei punti più critici. Sono felice ma non del tutto perché se fossi stato più determinato nella prima parte nel superare piloti più lenti avrei sicuramente centrato il podio. Sarà per la prossima volta ma sicuramente questo risultato è una bella iniezione di fiducia per me ed il mio Team che ha fatto un ottimo lavoro preparandomi una moto performante nelle condizioni di pista bagnata”.
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 16:16

La vergogna dei commissari di percorso di Jerez
Hanno aiutato a ripartire Valentino Rossi, ma non Stoner e Simoncelli

Spagna bocciata in sportività. I commissari di percorso di Jerez hanno avuto un comportamento censurabile in occasione delle cadute nella MotoGp di Stoner e Simoncelli. Ben sei marshall sono corsi in soccorso di Valentino Rossi quando il Dottore era sdraitato sotto la sua Desmosedici GP11, dopo la scivolata in cui ha steso Casey Stoner, ma nessuno è andato a dare una spinta all'Honda dell'australiano che si era disincastrato dalla Ducati e prima del collega era riuscito a rialzare la sua moto.
Un atteggiamento inaccettabile che si è ripetuto pochi minuti più tardi con Marco Simoncelli proprio nella stessa curva. Due piloti che potevano riprendere la gara perché le loro Honda non avevano subito danni irreparabili, sono stati costretti al ritiro dal momento che non hanno ricevuto la tradizionale spinta per ripartire: Valentino ha rimediato un quinto posto per essere riuscito a riprendere la pista, mentre Stoner e Simoncelli si sono ritirati mestamente.
Anzi, non proprio: l'australiano non ha risparmiato il gesto dell'ombrello ai commissari di percorso quando si è reso conto quanto gli sarebbe costato l'essere stato buttato fuori da Rossi. Perché i commissari sono corsi in aiuto di Vale e non di Casey? Certo vale il carisma del pluricampione del mondo, ma qui conta di più il fatto che a beneficiare dello stop di Stoner sarebbero stati soprattutto due piloti spagnoli, Lorenzo e Pedrosa, che poi hanno concluso la gara ai primi due posti.
Insomma, una squallida questione di campanile che ha tolto dalla gara due rider che, invece, potevano dare spettacolo: un comportamento inaccettabile da qualunque parte lo si guardi. Dal punto di vista regolamentare, i commissari rappresentano in pista la direzione gara e quindi devono avere un atteggiamento neutro.
La Federazione Internazionale farà bene ad intervenire in modo deciso per evitare che d'ora in avanti si applichino delle norme in funzione del passaporto di chi corre. Non solo, ma anche gli spettatori dovrebbero essere furiosi: la MotoGp ha già un parco partenti esigue e privarsi di due protagonisti per una scivolata è davvero una pazzia.
Ci auguriamo, quindi, che faccia sentire la sua voce anche Carmelo Ezpeleta, boss della Dorna, la società che gestisce la MotoGp. O chiuderà un occhio per una questione di identità di linguaggio?
(omnicorse.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
Alex
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1650
Punti : 1952
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 28
Località : Firenze

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 16:47

ROSSI E SIMONCELLI, BELLI E INCOMPIUTI
Pedrosa meglio di Lorenzo, male Dovizioso


VALENTINO ROSSI 9 E 3
Stavolta scatta il doppio voto perché sono da analizzare le due facce di una medaglia. Da una parte l'esperto Dottore in grande spolvero su pista bagnata e pronto al clamoroso risultato, dall'altra il Rossifumi di inizio carriera che spegne per un attimo il cervello. Forse perché davanti c'era Supersic in probabile fuga? La media fa 6, mentre i punti trovati sono 11.

MARCO SIMONCELLI 10 E 4
Anche nel suo caso doppia valutazione. Il Simoncelli che abbiamo visto passare in testa al sesto giro era vicino alla perfezione, quello che abbiamo visto volare via al dodicesimo giro è da bollare come "patacca", termine tipico delle sue parti. Come per Vale la media va in sufficienza, ma dopo il mese di pausa sarà necessario esame di riparazione.

JORGE LORENZO 8
Il campione del mondo ha lasciato fare agli altri, pensando solo a rimanere in sella, giro dopo giro, metro dopo metro, con la paura di sbagliare. Ringrazia commosso i suoi colleghi che si sono stesi e prende sicuro la testa del mondiale. E dopo la sosta si andrà a Estoril, pista magica della sua prima vittoria in MotoGP.

DANI PEDROSA 9,5
Partire per una gara in apnea sullo sdrucciolevole, con l'aspettativa di non farcela fino alla fine e con la prospettiva di andare il giorno dopo sotto i ferri. Resistere e portare a casa 20 punti d'oro. E' girato come meglio non poteva il weekend dello spagnolo, che adesso può guardare il bisturi come scorciatoia per uscire dai guai. Fortuna meritata.

NICKY HAYDEN 6
Un po' come nell’anno del titolo. Fortunello da podio con il merito però, al contrario di tanti altri, di essere rimasto in piedi. Si produce classifica anche così, in attesa di tempi migliori e magari di maggior convinzione nei propri mezzi.

CASEY STONER 6
Non per quello che ha fatto in pista, ma per quello che è seguito al "contatto" con Valentino. L'applauso a bordo pista indirizzato a Rossi e le frasi velenose condite da ricca dose di ironia sono comprensibili, ma poco produttive, forse dannose perché dall'altra parte c'è un maestro nel gestire schermaglie polemiche.

ANDREA DOVIZIOSO 5
Il voto va più al risultato, alla situazione che non al rendimento del pilota. Possibile che capitino tutte a lui, il che significa in questo caso un guaio di natura elettronica? In una giornata fatta apposta per la pesca miracolosa, è arrivato il deprimente ultimo posto.

ANDREA IANNONE 10
Avanti di questo passo bisognerà inventare il termine "gara alla Iannone", perché questo ragazzo senza mezze misure è davvero imprendibile in giornate come quella di Jerez. Se aggiungiamo il preziosissimo secondo posto del Qatar ci troviamo di fronte ad una classifica a dir poco sontuosa, da coltivare, magari con altre domeniche come questa.
(sportmediaset.it)
Tornare in alto Andare in basso
http://losportdeimotori.forumattivo.it
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 19:32

ROSSI ERA IL PIU’ VELOCE AL T1

Per Rossi e Stoner, solo 7 giri di gara, che però bastano a comprendere una serie di aspetti. Al primo passaggio, Valentino è risultato più lento di Casey di 4 secondi: 1’59”049 contro 1’54”942. Negli altri 6 è avvenuto il recupero, registrando un 2° passaggio alla pari e dal terzo in avanti una rimonta in progressione, con l’australiano che ha progressivamente rallentato fino a 1” e 7 decimi. Forse il gommone sulla Honda era già alla frutta. Nonostante Rossi guadagnasse la media di 8 decimi al giro, confortando i migliori intertempi si nota come al T1 (il tratto che va dal traguardo alle successive 4 curve) fosse particolarmente veloce: rifilava 4 decimi a Stoner (!), ma non solo: rimane il miglior intertempo di tutti i piloti in gara. Mi par di capire che in quel settore trovasse particolarmente agio per sferrare anche i suoi sorpassi. Ha fatto bene a provarci, anche se gli è andata male; doveva recuperare su Simoncelli, anche lui rapidissimo in quella sezione di pista, il secondo più veloce dopo Rossi. E, guarda a caso, è toccata la stessa sorte: stesso punto, stessa dinamica, con l’avantreno a scatenare il botto in ingrasso di curva.
Personalmente, rivolgendomi alla sola dinamica dell’incidente (tralasciando gli aspetti e le reazioni dei piloti a fine gara) e con l’analisi dei numeri sopra riportata, definisco l’episodio un normale inconveniente di percorso che costa tristezza a entrambi, ovviamente con le dovute proporzioni.

di Max Temporali
sportmediaset
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Lun 4 Apr 2011 - 20:15

MotoGP: I nodi vengono al pettine

La classifica MotoGP dell’ultima gara a Jerez parla chiaro: Lorenzo è in testa al campionato, Pedrosa lo segue e dietro arrancano appena le Ducati ufficiali.
Il resto dello paddock si trova ad ere geologiche di distanza: ben un minuto separa infatti Valentino Rossi dal vincitore della corsa.
Valentino inteso non tanto come il 9 volte campione del mondo, ma come il quinto al traguardo! Gli altri 12 stanno infatti ancora peggio!
Certo, questa è stata una gara atipica, ma ci da conferme importanti: vincere un campionato è ancora una questione di testa e forma mentis: Lorenzo, Pedrosa e Hayden sono ragazzi sicuri e veloci (sono tutti campioni del mondo, vice MotoGP Pedrosa). Chi non finisce un gran premio sulla pioggia spesso è soprattutto perché non guida con il feeling di quello che è rilassato, si fa per dire, con troppa foga.
Si corre per vincere, ma per vincere bisogna arrivare. In situazioni difficili come ieri, arrivare significa Controllo.
Rossi era esaltato e non stava davanti da troppo tempo. Si è fatto prendere la mano, il braccio e la spalla. E si ha buttato giù anche l’incolpevole Stoner.
Stoner è mosso da una enorme voglia di affermazione, è cannibale affamato e non si è limitato nei sui gesti di stizza contro Rossi, per l’incidente occorso tra i due. Comprensibile, certo, ma indicativo di stress e tensione. Chi si ricorda Hayden abbattuto da Pedrosa? Quella si che si chiama Calma e Pietà! E ci si giocava il mondiale ad una sola gara dalla fine!
Simoncelli non ci credeva di essere finalmente davanti ed è andato giu. Nonostante avesse gia preso coscienza dell’usura delle gomme a sue spese (imbarcate frequenti ed evidenti).
Per par condicio, anche Dovizioso sarebbe da chiamare in causa, ma è giustificato perché gli è stat montata una gomma fallata: la Bridgestone ha reso disponibili per il weekend di gara gomme inadatte all’uso e all’asfalto: mescola troppo morbida e fine del battistrada dopo 10 giri. Per tutti.
Per Dovizioso ancora prima: dopo 4 giri si è fermato ai box per cambiare la copertura, e il suo distacco a fine gare non è stato neanche eccessivo: al rientro girava su tempi da podio, senza poterne avere ne l’ambizionene la spinta motivazionale. Potremmo dire che se la sarebbe giocata anche lui.
Strano ma vero, tutte le Ducati, dotate di motori rabbiosi e ingestibili, sono arrivate in fondo alla corsa.

Anche la Suzuki, con l’unica moto iscritta, guidata dal sostituto di Hector Barbera, John Hopkins si è piazzato davanti all’espertissimo Loris Capirossi.
Capirossi ha denunciato un problema meccanico non di poco conto: si è guastata una delle 4 candele del motore ed ha dovuto continuare con solo 3 cilindri, che, considerata la fasatura a scoppi irregolari, è stato sicuramente un vero handicap, nonostante l’impossibilità, per tutti, di dare tutta manetta con fondo viscido e coperture che andavano distruggendosi già dopo pochissimi giri. Tra l’altro si è scoperto che anche Loris soffre di forti dolori alla spalla, causate forse da un ematoma che va a premere su alcuni tendini.
Ma Loris non vuole accampare scuse e non vuole che se ne parli. E’ stato infatti il giornalista-conduttore di Italia1 a Fuorigiri a tirare fuori questa notizia; cosa che ha peraltro indispettito, leggendo gli sguardi, lo stesso Loris Capirossi, presente in studio come ospite
oknotizie
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Mar 5 Apr 2011 - 15:46

Jerez altri commissari che hanno contribuito a Stoner
Juan Alvarez, direttore del circuito andaluso, ha dichiarato: "I video mostrano di aver ricevuto aiuto, ma non c'era modo di iniziare la moto, così il suo taglio di manga e gli applausi per Rossi I commissari hanno aiutato Stoner
In questo video potete vedere come i commissari del GP di Jerez altri che hanno contribuito a guida australiana a riprendere la gara dopo la caduta insieme a Rossi.
Il giorno dopo una gara così folle come ha vissuto a Jerez MotoGP lascia sempre una sbornia e se il dibattito marescialli diritto di distribuire il loro aiuto dopo la caduta comune Rossi e Stoner. Tuttavia, contrariamente a un diffuso senso la prima volta, e sollecitato dalle grida di Stoner, ha dichiarato: "E 'stato frustrante vedere come il' sceriffi 'solo aiutare Valentino a tornare in pista" o "era perché aveva preso il palo spagnolo al giorno precedente, devo dire che i commissari hanno aiutato Casey Jerez.
Ci sono almeno due video per dimostrarlo. In 'YouTube', uno dei cinquanta secondi, presa all'interno della prima curva (che può essere consultato anche sul sito web di 'AS.com'). L'immagine non è professionale, ma illuminante. Inoltre, in 'rtve.es', nella categoria della MotoGP, un altro di 1:19, che è la sequenza da diverse angolazioni e la conclusione è la stessa: I commissari non hanno avuto la colpa di abbandonare Stoner.
E 'successo al numero checkpoint 2. I sei marescialli che stanno per uscire dalla curva davanti ai suoi colleghi della sterzata. Per prima cosa vai alla Ducati de Rossi, che è la terra che è incorporato, mentre Stoner ha preso la sua bici e manovra a tornare. Uno di loro va a Stoner, ed è affiancato da due altri controlli che vengono da l'ingresso alla curva. Rossi è vero che alcuni colpito la parte posteriore con affetto, incoraggiando, e che l'italiano ritorna in pista a soli 22 secondi dalla caduta, ma soprattutto perché non è stato fermato la moto e ha afferrato la frizione per evitare anche facendo scorrere sul pavimento.
A Stoner, comunque, è per il motore Honda e quando non si può tornare in pista il suo appello proprio ai commissari con il braccio che si spinge, sette di loro intenzione di cercare di avviare la moto. Spinse molti piedi su per la collina, diffondendo gradualmente fino a quando uno solo.
i responsabili del circuito hanno guardato le immagini e avere la coscienza pulita. Juan Alvarez, il regista, è chiaro:.. "Quando i commissari mettere su una moto, è logico per completare l'operazione prima di qualsiasi altra cosa in pochi secondi vanno e vengono per il pilota sono a terra Stoner è stato In piedi e tirando la sua moto, così andò per la moto vicino loro e bugiardi. Ha avuto la sfortuna di essere il secondo ad essere servito e che si è fermato il motore, perché Rossi è più vivo di ottenere di continuare a funzionare. Inoltre, come ho detto, la Honda non può iniziare a spingere, ma deve farlo dalla finestra di bloccare il mozzo della frizione. Quindi i gesti che ha dedicato ai commissari, facendo una traversa, e rimanendo in pista per fare il tifo per Rossi, sono finiti. Stoner ha commesso un errore, ma dobbiamo anche capire che lui era arrabbiato perché era stato sparato. "
Traduzione da spagnolo verso italiano
as.com
Tornare in alto Andare in basso
alfa
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1955
Punti : 2520
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 63
Località : Barberino di Mugello (FI)

MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   Mar 5 Apr 2011 - 16:07

Dichiarazione della Direzione di Gara MotoGP

La FIM esaminerà il Modo in cina e Stata gestita la Collisione Rossi-Stoner uno Jerez.
A Seguito della Collisione tra Rossi e Stoner, avvenuta il 3 aprile Durante il Gran Premio di Spagna di Jerez, la Direzione di Gara MotoGP ha Deciso di organizzare delle Nazioni Unite Incontro con i commissari di pista per analizzare l'Incidente di posta per Ascoltare la Examples dei funzionari PRESENTI .
Chiarito Che la decisione finale della Direzione di Gara non intaccherà il risultato della Gara, l'udienza SI Terrà giovedì 28 aprile uno Estoril, in Portogallo.

motogp.com

Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Jerez Spagna   

Tornare in alto Andare in basso
 
Jerez Spagna
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» PPresentazione e saluti dalla Spagna
» sono andato a Bilbao (Spagna - giu.2010)
» Ritorno alle origini (Andorra, Spagna e Portogallo e..un pizzico di Camargue)
» Raduno Spagna
» Ciao dalla Spagna

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Lo Sport dei Motori Formula1 MotoGP..... :: Archivo :: MotoGp-
Andare verso: